MotoGP: Test Post GP a Misano, le dichiarazioni dei piloti

MotoGP: Test Post GP a Misano, le dichiarazioni dei piloti

I commenti dei piloti al termine della giornata di test

Commenta per primo!

All’indomani della disputa del Gran Premio Aperol di San Marino e della Riviera di Rimini 2013, i protagonisti della MotoGP sono tornati in pista al Misano World Circuit Marco Simoncelli per una giornata di test post-GP contraddistinta da diverse novità tecniche per la prossima stagione, con alcuni piloti, a cominciare da Marc Marquez, mostratisi soddisfatti per questo test con le moto 2014. Marc Marquez (Repsol Honda Team), 1°Questa giornata di test è andata bene, abbiamo provato diversi accorgimenti di messa a punto, soprattutto in termini di geometria del telaio, con notevoli miglioramenti. E’ stato un test utile per trovare degli spunti interessanti per le cinque restanti gare della stagione 2013. Abbiamo anche provato il prototipo 2014, devo dire di essermi subito trovato bene. In questo momento, pensando alla prossima stagione, l’importante era trovare una buona base, cosa che siamo convinti di avere già“. Jorge Lorenzo (Yamaha Factory Racing), 2°Fortunatamente oggi le condizioni della pista erano buone per poter disputare una giornata di test utile per risolvere diversi problemi incontrati in queste ultime gare. Siamo stati in grado di completare tanti giri pensando al prossimo Gran Premio di Aragon, trovando dei responsi positivi. Abbiamo anche provato il motore 2014, devo dire che ha funzionato bene, siamo rimasti molto soddisfatti di questo primo test. Inoltre nel corso della giornata abbiamo provato diverse novità per la stagione in corso, dei piccoli dettagli che ci serviranno per migliorare le nostre prestazioni. A parte le prove in vista del 2014, oggi per noi l’importante è stato lavorare per le prossime gare: crediamo di aver individuato delle soluzioni che torneranno utili per Aragon, tracciato dove abbiamo faticato un pò nelle ultime stagioni“. Valentino Rossi (Yamaha Factory Racing), 3°Fortunatamente oggi il meteo ci ha risparmiati, era importante provare qui a Misano: avevamo tante cose da verificare in vista delle prossime gare. Ho provato la M1 2013 ed un prototipo con diverse novità per la prossima stagione, posso dire che nel suo complesso è stato un buon test. E’ stato importante girare oggi, abbiamo individuato diversi piccoli dettagli che posso aiutarci per le ultime gare del campionato, con qualche significativo miglioramento. Per quanto concerne il prototipo 2014, abbiamo effettuato delle prove comparative, ma sostanzialmente le prestazioni sono simili. Con questi riferimenti adesso siamo pronti per Aragon: oggi ci sono stati dei miglioramenti che ci aiuteranno nel prossimo Gran Premio“. Cal Crutchlow prova la nuova specifica Bridgestone posterioreCal Crutchlow (Monster Yamaha Tech 3), 4°Sono felice di com’è andata questa giornata di test. Provare senza la pressione di un weekend di gara ci è tornato utile per ritrovare il feeling con la M1, posso dire che questo test è arrivato davvero al momento giusto. Adesso, con i riferimenti acquisiti oggi, cercheremo di presentarci ad Aragon con la possibilità di far bene. Abbiamo migliorato il comportamento della moto soprattutto in staccata: non tanto nella prima fase, bensì nell’ultima dove si sono presentati diversi problemi in questi ultimi GP. Oggi sono andato più forte rispetto a tutto il weekend di gara e questo è senza dubbio positivo. Ho inoltre provato la nuova posteriore dura della Bridgestone con segnali incoraggianti, tanto da aver percorso 28 giri senza problemi riuscendo proprio all’ultimo passaggio ad ottenere il mio miglior riferimento cronometrico. La Bridgestone ha fatto un ottimo lavoro e ha assecondato le nostre richieste, di questo sono molto soddisfatto perchè si tratta di un cambiamento nella direzione giusta“. Alvaro Bautista (GO&FUN Honda Gresini), 5°Sono decisamente contento e soddisfatto di questa giornata di test. Abbiamo lavorato molto ed inizialmente ci siamo tolti la soddisfazione di capire cosa poteva essere successo ieri per il fatto che non sono riuscito a spingere come avrei voluto. Mantenendo lo stesso setting abbiamo girato costantemente più veloci con gli stessi riscontri cronometrici delle prove, quindi la colpa non è da attribuire ne a me ne alla moto ma a qualcosa di anomalo che a volte capita imponderabilmente. Il lavoro è poi continuato senza sosta per tutto il giorno, abbiamo provato una nuova forcella Showa che ha dato riscontri positivi utilizzando diversi setting inoltre ci siamo anche concentrati su prove di freni Nissin e su alcuni in particolare che mi permettono di avere una frenata più dolce e precisa. Abbiamo anche provato alcuni dischi freni più grandi da utilizzare a Motegi dove lo scorso anno avevamo avuto problemi ed al momento la valutazione è ancora incerta. Insomma in totale abbiamo percorso 70 giri con positivi riscontri generali che ci torneranno utili nell’immediato futuro“. Dani Pedrosa (Repsol Honda Team), 6°Oggi abbiamo provato diverse soluzioni per risolvere il problema di grip al posteriore riscontrato in queste ultime gare. Alcune modifiche si sono rivelate azzeccate, altre un pò meno, ma quantomeno abbiamo qualche idea interessante per il prosieguo della stagione. Abbiamo inoltre provato la moto 2014: ho percorso soltanto tre o quattro giri, penso che per i prossimi test di Valencia ci saranno da apportare diversi cambiamenti, non era oggi la giornata giusta per valutare appieno il potenziale della nuova moto“. Stefan Bradl (LCR Honda MotoGP), 7°E’ stata una giornata piena per tutti e io ho completato 75 giri ma era necessario acquisire dati importanti per le prossime gare. In agenda c’erano le mappature, la geometria del telaio e le regolazioni delle sospensioni. L’obiettivo rimane sempre lo stesso: migliorare il feeling dell’anteriore e del posteriore alla massima inclinazione. Abbiamo iniziato più tardi visto che la pista era ancora umida ma alla fine abbiamo completato il nostro programma di lavoro“. Prove di sviluppo per Andrea DoviziosoAndrea Dovizioso (Ducati Team), 8°Oggi è stato un test interessante perché dopo una gara puoi sempre lavorare sui piccoli dettagli, avendo a disposizione tutti i parametri del weekend. Non abbiamo provato materiale nuovo, però abbiamo fatto delle prove di bilanciamento che ci hanno fatto capire qualcosa. Abbiamo provato i freni che probabilmente useremo in Giappone, sono più grandi e funzionano molto bene, ed anche la nuova gomma dura portata da Bridgestone, che potremo usare anche durante il weekend, attualmente usiamo solo le morbide. Le condizioni oggi erano buone, e abbiamo migliorato un po’ il tempo sul giro veloce, e speriamo che questi piccoli miglioramenti fatti oggi possano essere utili ad Aragon“. Nicky Hayden (Ducati Team), 9°Abbiamo iniziato in ritardo a causa delle condizioni meteorologiche ma poi siamo andati avanti fino a fine giornata, provando tutto quello che dovevamo provare. Non c’era niente di particolare, se non qualche scelta diversa di set-up utilizzabile nelle rimanenti gare. La cosa positiva è che abbiamo provato la nuova gomma dura della Bridgestone, che sembra funzionare abbastanza bene e che dovrebbe aiutarci su alcune delle prossime piste, se sarà disponibile, ed infine abbiamo testato i dischi freno maggiorati per Motegi. In generale non abbiamo fatto grandi passi avanti, ma siamo riusciti ad ottenere una buona quantità di dati“. Andrea Iannone (Energy T.I. Pramac Racing), 10°In generale è stata una buona ed importante giornata. Sono stato più veloce rispetto al weekend, ho fatto un buon tempo ed alla fine non era male. La moto è sostanzialmente la stessa, abbiamo cambiato alcune piccole cose, e sono contento di avere un sempre miglior feeling. Abbiamo anche provato dei nuovi dischi freno che a Motegi possono sicuramente aiutare. Questa mattina non avevo molta fiducia, forse a causa della pista che era ancora bagnata, o per la caduta di ieri, poi pian piano ho recuperato e ho girato costantemente abbastanza veloce. La spalla ha ricominciato a farsi sentire, ed ora mi aspettano altre terapie e allenamento“. Bradley Smith (Monster Yamaha Tech 3), 11°Oggi ho cercato di capire cos’è andato storto nelle ultime gare e penso che abbiamo trovato una strada da seguire per il futuro. Siamo tornati all’impostazione di base, questo mi ha aiutato così come una modifica nella posizione di guida: ci sono stati dei progressi non tanto con gomma nuova, bensì con gomma usata e con il serbatoio pieno di carburante. Ho anche provato la nuova posteriore Bridgestone e mi sono trovato subito bene, è un grande passo avanti come desideravamo noi piloti. Con questo test lasciamo Misano soddisfatti, con riferimenti utili per chiuder bene la stagione“. Yonny Hernandez all'esordio con Ducati PramacYonny Hernandez (Ignite Pramac Racing), 16°Sono contento perché la moto ha davvero molta potenza rispetto a quella a cui ero abituato, l’elettronica è completamente diversa e dovrò cambiare il mio stile di guida per essere più veloce, ma oggi ho guidato la miglior moto della mia vita. Dovrò lavorare duramente, sul feeling, e farò del mio meglio. Ho bisogno di fare chilometri per ottenere un buon passo di gara, ma sono stato più veloce rispetto al mio normale tempo in CRT. Ho bisogno di tempo per poter capire ed imparare, ed è presto per poter dire altro. Fisicamente mi sento bene, e per essere stata la mia prima giornata non è andata male. Ringrazio il team Pramac e Ducati per avermi dato questa possibilità“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy