MotoGP Sepang Prove Libere 3: sempre Pedrosa, sempre Honda

MotoGP Sepang Prove Libere 3: sempre Pedrosa, sempre Honda

Distacchi più contenuti, recuperano anche le Ducati

Commenta per primo!

Quanto vanno forte queste Honda! Dani Pedrosa, soprattutto: al 2’01″250 siglato ieri ha fatto seguire, nella conclusiva terza sessione di prove libere del Gran Premio di Sepang, un più che positivo 2’01″769, sufficiente per staccare di una manciata di decimi i compagni di marca e/o squadra Marco Simoncelli e Andrea Dovizioso, rodato duo tricolore in sella alle Honda RC212V Factory Spec. Come si evince dal raffronto cronometrico, il tri-campione del mondo riesce a fare la differenza tutta o quasi nell’ultimo settore dove viaggia con ben 3 decimi di margine sulle altre RCV, almeno mezzo secondo su Yamaha, Ducati e Suzuki.

Sepang esalta le caratteristiche e stile di guida di Dani Pedrosa, per tre passaggi sotto il 2’02”, sulla carta anche quelle del Campione del Mondo 2011 Casey Stoner, fiducioso ieri, rimasto a 4 decimi netti stamane nei confronti del proprio team-mate. Se Pedrosa fa “lo Stoner” degli ultimi tempi, la Yamaha senza Jorge Lorenzo è data per dispersa: un acciaccato Ben Spies si ritrova a terra ed è soltanto 14°, poco dietro anche il bi-campione All Japan Superbike e tester Yamaha MotoGP (anche per la 1000cc) Katsuyuki Nakasuga, ultimo limando il gap dalla vetta a 2″8, segno che senza cadute il forte pilota giapponese può tirar fuori qualcosa di buono da questo personale esordio nella top class.

Il primo pilota non-Honda in classifica risulta così Nicky Hayden, buon quinto con la Ducati Desmosedici GP11.1 “Carbon” a precedere nell’ordine di un paio di decimi Alvaro Bautista, Colin Edwards e Valentino Rossi, 8° in recupero contenendo il gap a 845 millesimi con almeno mezzo secondo perso soltanto nell’ultimo settore. Senza dubbio meglio rispetto a ieri, ricomponendo (in parte) le gerarchie in Ducati con Loris Capirossi 10°, Randy De Puniet 11°, un acciaccato Hector Barbera 13° e Karel Abraham 16°.

Non ha invece girato ed è stato costretto al forfait per questo fine settimana la wild card d’eccezione John Hopkins, costretto alla resa per l’infortunio al dito medio della mano destra rimediato l’agosto scorso a Brno: la frattura si è riaperta, segno che non è proprio facile guidare una MotoGP anche per un pilota come “Hopper” vincitore di tre delle ultime sette manche disputate nel British Superbike.

MotoGP World Championship 2011
Sepang, Classifica Prove Libere 3

01- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC212V – 2’01.769
02- Marco Simoncelli – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 0.265
03- Andrea Dovizioso – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 0.312
04- Casey Stoner – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 0.400
05- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP11.1 – + 0.480
06- Alvaro Bautista – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R – + 0.574
07- Colin Edwards – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.694
08- Valentino Rossi – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP11.1 – + 0.845
09- Hiroshi Aoyama – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 0.975
10- Loris Capirossi – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP11 – + 1.056
11- Randy De Puniet – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP11 – + 1.250
12- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.645
13- Hector Barbera – Mapfre Aspar Team – Ducati Desmosedici GP11 – + 1.785
14- Ben Spies – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 2.003
15- Toni Elias – LCR Honda MotoGP – Honda RC212V – + 2.054
16- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – Ducati Desmosedici GP11 – + 2.183
17- Katsuyuki Nakasuga – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 2.860

Alessio Piana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy