MotoGP: Randy De Puniet lascia LCR Honda, va in Pramac

MotoGP: Randy De Puniet lascia LCR Honda, va in Pramac

Ufficiale la firma del pilota francese, guiderà una Ducati

Commenta per primo!

Poco prima del via della gara di Valencia il Pramac Racing Team ha annunciato l’ingaggio di Randy De Puniet per la prossima stagione della MotoGP. Il pilota francese lascia così dopo tre stagioni il team LCR Honda di Lucio Cecchinello per andar ad affiancare, in sella ad una Ducati Desmosedici GP11, Loris Capirossi. In passato RDP, 5 vittorie all’attivo nella classe 250cc, era stato anche pilota ufficiale Kawasaki nel 2006 e 2007 prima di passare a LCR Honda, squadra con la quale è diventato uno dei protagonisti della top class.

Sono enormemente contento di questa nuova avventura che affronteró il prossimo anno“, spiega Randy De Puniet. “Vorrei ringraziare il Team Principal del Pramac Racing Team, Paolo Campinoti, per questa grande opportunità e la fiducia posta in me. Ho lavorato spesso con Team italiani e sono felice di poter continuare anche per il prossimo anno. Mi piacerebbe ringraziare ad uno a uno il Team LCR e Lucio Cecchinello con cui ho diviso degli anni stupendi e che reputo una famiglia. É anche grazie all’ottimo rapporto con loro, che mi hanno concesso di salire, fin dai test di martedí, sulla mia nuova moto con cui proveró ad instaurare fin da subito un buon feeling. Non vedo l’ora di conoscere la mia Ducati!“.

Paolo Campinoti, titolare Pramac Racing Team, ha motivato la scelta di Randy De Puniet dopo che, a lungo, si era parlato di una sola moto schierata dalla squadra italiana.

Siamo molto contenti di aver chiuso un accordo con uno dei piloti piú esperti e di maggior talento dell’attuale Campionato del Mondo di MotoGP. Per Randy sará un esordio assoluto in sella ad una Ducati, ma siamo sicuri che riuscirá ad andare forte sin dai test che effettueremo su questa pista martedí. Tutti conosciamo Randy e sappiamo il suo enorme valore di pilota combattente, che l’ha visto gareggiare ad armi pari con piloti molto piú titolati di lui e che dispongono di una moto ufficiali.

É stato spesso il primo pilota in sella ad una moto non ufficiale sulla linea d’arrivo. Siamo sicuri che grazie alle sue qualità l’anno prossimo potremo divertirci in pista togliendoci qualche soddisfazione. Con Randy e Loris festeggeremo il decimo anniversario di attività nel Motomondiale, e avere una coppia di piloti cosi ben assortita é per noi un vero onore. Vorrei ringraziare i nostri partners che hanno sin da subito accolto con entusiasmo la nostra scelta“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy