MotoGP: prima giornata di prove per la Ducati GP11 a Jerez

MotoGP: prima giornata di prove per la Ducati GP11 a Jerez

Guareschi e Battaini in azione con la nuova Desmosedici

Commenta per primo!

In attesa di vedere Valentino Rossi e Nicky Hayden in azione a Sepang, il Ducati MotoGP Test Team ha completato la prima di tre giornate di prove a Jerez de la Frontera. In pista, seguiti da Filippo Preziosi, hanno condotte le Ducati Desmosedici GP11 il tester Franco Battaini (nella foto con una GP10) e Vittoriano Guareschi, team manager, occasionale tester delle Ducati GP.

I due piloti hanno iniziato a girare dopo mezzogiorno con temperature più “accettabili”, con Vittoriano Guareschi che ha così giudicato questa inaugurale giornata di attività in Andalusia.

E’ stata una giornata molto produttiva anche se oggi il grip della pista era davvero pessimo, un po’ a causa della forte umidità, un po’ per le prove delle F3 che sono proseguite fino a ieri e hanno lasciato l’asfalto molto sporco. Ci siamo divisi i compiti, io e il “Batta” come da programma. Io ho lavorato sulla ciclistica con l’obiettivo di migliorare l’inserimento in curva mentre Franco si è concentrato sull’elettronica, sul nuovo sistema di anti-wheeling e anti–spin che va provato e regolato. Penso che abbiamo trovato un paio di cose interessanti di set up, che migliorano il feeling sull’avantreno.

Abbiamo lavorato sulle altezze, sulla posizione in sella, su tanti aspetti della messa a punto della moto che servono per tutto il lavoro di raccolta dati necessario ad essere pronti quando Vale e Nicky, in Malesia, ci chiederanno di modificare la moto in un senso o nell’altro. E’ un lavoro di “scrematura” che andrà avanti anche nei prossimi due giorni per velocizzare il lavoro dei piloti ufficiali in Malesia”.

Cinquanta giri per Vitto Guareschi, 60 per Franco Battaini, domani le prove proseguiranno a Jerez con la speranza di trovare condizioni climatiche favorevoli.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy