MotoGP Phillip Island Prove Libere 1: ok Rossi, cade Lorenzo

MotoGP Phillip Island Prove Libere 1: ok Rossi, cade Lorenzo

Secondo Casey Stoner davanti a Dani Pedrosa

Commenta per primo!

Il motivo delle ultime gare è chiarissimo: chi ben comincia è a metà dell’opera. Estoril ha rappresentato alla perfezione questo detto tramutato in tematica principale per l’andamento del weekend, che Valentino Rossi spera di confermare a Phillip Island. Miglior tempo nella prima sessione di prove libere, giusto quando Jorge Lorenzo incontra qualche problema e, a cinque minuti dal termine, saggia l’asfalto scivolando alla “Honda Corner” dopo aver perso l’anteriore della sua Yamaha M1. Niente di grave, ma un duro colpo per il morale come dimostrato dal mesto rientro ai box, per un’ora di prove dove mai è parso veloce quanto il suo rivale e compagno di squadra.

Sarà così costretto a inventarsi qualcosa Jorge Lorenzo questo fine settimana per recuperare quel 1″ di svantaggio sul giro “secco” (qualche decimo meno sul passo) da Valentino, provando a scavalcare anche avversari che si sono presentati davanti alla Yamaha #99. E’ il caso di Colin Edwards, quinto con il team Tech 3 in ottima forma (James Toseland è buon settimo nonostante una scivolata), o di Alex De Angelis, quarto in un circuito dove è sempre andato fortissimo.

C’è poi il solito Dani Pedrosa in terza posizione che rifila il canonico secondo di distacco ad Andrea Dovizioso, e non poteva mancare nemmeno Casey Stoner che è l’unico ad aver impensierito Valentino Rossi sulla prestazione assoluta. Giocando in casa ha iniziato nel migliore dei modi con un buon passo velocistico ritrovandosi a 135/1000 da Rossi, con gli altri Ducatisti a oltre 1″5.

Questo è il caso di Mika Kallio, nono e scivolato alla “Honda Corner”, di Nicky Hayden 10° e Niccolò Canepa, ultimo con una brutta caduta all’ingresso della curva 1, punto storicamente difficile in caso di qualsiasi inconveniente di guida. Il giovane genovese è parso dolorante al braccio destro riuscendo così a percorrere solo 16 giri a Phillip Island non potendo approfondire la conoscenza della pista. Altri pensieri per gli altri italiani con Loris Capirossi decimo e Marco Melandri 14°, davanti a Chris Vermeulen e Gabor Talmacsi in penultima posizione.

MotoGP World Championship 2009
Phillip Island, Classifica Prove Libere 1

01- Valentino Rossi – Fiat Yamaha Team – Yamaha YZR M1 – 1’31.032
02- Casey Stoner – Ducati Marlboro Team – Ducati Desmosedici GP9 – + 0.135
03- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 0.496
04- Alex De Angelis – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 0.754
05- Colin Edwards – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.814
06- Jorge Lorenzo – Fiat Yamaha Team – Yamaha YZR M1 – + 1.045
07- James Toseland – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.223
08- Andrea Dovizioso – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 1.470
09- Mika Kallio – Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP9 – + 1.540
10- Loris Capirossi – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R – + 1.574
11- Nicky Hayden – Ducati Marlboro Team – Ducati Desmosedici GP9 – + 1.739
12- Randy De Puniet – LCR Honda MotoGP – Honda RC212V – + 1.776
13- Toni Elias – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 2.272
14- Marco Melandri – Hayate Racing Team – Kawasaki ZX-RR – + 2.390
15- Chris Vermeulen – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R – + 2.472
16- Gabor Talmacsi – Scot Racing Team MotoGP – Honda RC212V – + 2.786
17- Niccolò Canepa – Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP9 – + 3.514

Alessio Piana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy