MotoGP Motegi Qualifiche: grande Lorenzo, ma Stoner non si batte

MotoGP Motegi Qualifiche: grande Lorenzo, ma Stoner non si batte

Decima pole stagione, Dovi 3°, Sic 6° davanti a Rossi

Commenta per primo!

A volte i numeri dicono tutto ed il contrario di tutto, pronti a smentire anche cosa succede in pista. L’1’45″267 siglato da Casey Stoner nelle qualifiche ufficiali al Twin Ring di Motegi non lascia spazio ad alcuna interpretazione: quarta pole position consecutiva e decima stagionale su 15 round sin qui disputati, la 32esima in carriera nella classe regina (record assoluto) Una superiorità sul giro singolo evidenziata con una strepitosa performance allo scadere riuscendo a spuntarla per un paio di decimi sul rivale per la corsa al titolo iridato Jorge Lorenzo, gli unici sotto al record della pista di 1’45″543 siglato proprio da “Porfuera” in piena era pre-monogomma (2008).

Insomma, se Stoner si conferma mago della pole, con questa eccezionale “guizzo” il Campione del Mondo in carica si intromette nella pattuglia Honda di testa, mettendo in discussione un dominio HRC evidenziato nell’arco di tutto il fine settimana. Un giro di talento e carattere per Jorge Lorenzo, vicino ad una vera e propria impresa sul tracciato dove vinse (un pò a sorpresa) nel 2009, accontentandosi per il momento di lasciare in terza posizione Andrea Dovizioso scacciando dalla prima fila Dani Pedrosa, a lungo al comando della classifica dei tempi in una fase interlocutoria delle prove ufficiali aspettando il decisivo rush finale.

Con il “Dovi” nella top 3 a caccia di certezze in prospettiva 2012, Marco Simoncelli fresco di rinnovo con HRC e Gresini Racing ha invece conseguito il sesto crono alle spalle di Ben Spies (non al meglio per una debilitante intossicazione alimentare), anche a seguito di una scivolata a metà sessione alla curva 5 dopo aver perso l’anteriore della propria Honda RC212V Factory Spec. “Sic” contiene lo svantaggio dalla pole a meno di 1 secondo, non è così per Valentino Rossi che rimedia un settimo crono a 1″2 nonostante un primo tentativo vanificato per un “dritto”, segno che quando si porta al limite la propria Ducati è facile sbagliare. Il 9 volte Campione del Mondo, vincitore a Motegi nel 2001 e 2008 (con annesso 8° titolo iridato), resta il miglior Ducatista in classifica con la Desmosedici GP11.1 versione Aragon con il semitelaio anteriore in alluminio, lasciandosi alle spalle la Suzuki di Alvaro Bautista, Hector Barbera e Nicky Hayden dal passo del gambero rispetto all’exploit di ieri.

Non c’è stato spazio nella top-10 per Hiroshi “Hiro Hero” Aoyama, nè tantomeno per Crutchlow, De Puniet, Edwards (caduto dopo un’escursione nelle vie di fuga all’altezza della curva 3) con in fondo al gruppo le tre “novità” dell’evento. Il campione All Japan Superbike in carica e vincitore quest’anno della 8 ore di Suzuka Kousuke Akiyoshi è 17° con la seconda RCV del team LCR, giusto davanti al sostituto di Loris Capirossi in Ducati Pramac e specialista dell’Endurance Damian Cudlin (3″6 dalla pole, miglioramento netto di 3″3 rispetto alle prime prove libere), in fondo il sempreverde Shinichi Itoh scivolato questa mattina con la (bellissima) Honda RC212V vestita dei colori ufficiali HRC.

MotoGP World Championship 2011
Twin Ring Motegi, Classifica Qualifiche

01- Casey Stoner – Repsol Honda Team – Honda RC212V – 1’45.267
02- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.256
03- Andrea Dovizioso – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 0.524
04- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 0.699
05- Ben Spies – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.775
06- Marco Simoncelli – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 0.944
07- Valentino Rossi – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP11.1 – + 1.200
08- Alvaro Bautista – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R – + 1.319
09- Hector Barbera – Mapfre Aspar Team – Ducati Desmosedici GP11 – + 1.427
10- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP11.1 – + 1.496
11- Hiroshi Aoyama – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 1.544
12- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.551
13- Randy De Puniet – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP11 – + 1.650
14- Colin Edwards – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.898
15- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – Ducati Desmosedici GP11 – + 2.655
16- Toni Elias – LCR Honda MotoGP – Honda RC212V – + 2.902
17- Kousuke Akiyoshi – LCR Honda MotoGP – Honda RC212V – + 3.100
18- Damian Cudlin – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP11 – + 3.695
19- Shinichi Itoh – Honda Racing Team – Honda RC212V – + 4.704

Alessio Piana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy