MotoGP Motegi Prove Libere 2: poker Honda con Pedrosa al top

MotoGP Motegi Prove Libere 2: poker Honda con Pedrosa al top

Dominio HRC, Ducati bene con Hayden, Rossi insegue

Commenta per primo!

Sul tracciato di casa le Honda volano. La pomeridiana sessione di prove libere del venerdì al Twin Ring di Motegi proietta ben quattro RCV “Factory Spec.” ai primi quattro posti nella classifica dei tempi della MotoGP, il tutto a cominciare dall’1’46″790 conseguito da un pilota che in Giappone non ha mai vinto nella top class: Dani Pedrosa. Già sotto il record sul giro in gara che resiste dal 2008, il pilota catalano (26 anni compiuti ieri: auguri!) è balzato al comando riuscendo a beffare (e di questi tempi è una notizia) il proprio compagno di squadra Casey Stoner. Mostrando un buon passo pensando a domenica, Pedrosa ha lasciato a soli 54 millesimi Stoner con poco staccate anche le altre due RC212V ufficiali dei nostri Andrea Dovizioso (3° a 0″162) e Marco Simoncelli (4° a 0″398): tripletta Repsol Honda, poker HRC, tanto per chiarire e ribadire i valori in campo per questa prima di tre trasferte nel Pacifico per la classe regina.

L’unico che prova a rispondere allo strapotere Honda è il solito Jorge Lorenzo, vincitore a Motegi (all’epoca un pò a sorpresa) nel 2009, quinto pagando mezzo secondo al cronometro, risultando l’unico pilota Yamaha a difendersi sul tracciato di proprietà Honda: Colin Edwards è 10°, Cal Crutchlow 13°, Ben Spies 14° e costretto alla resa dopo soli 5 giri percorsi per un’influenza che lo sta debilitando da due giorni a questa parte, tanto da recarsi a turno in corso presso il centro medico del Twin Ring di Motegi.

Con Honda in fuga, Yamaha a inseguire, cresce la Ducati con un Nicky Hayden che spicca un interessante sesto tempo davanti all’idolo di casa Hiroshi Aoyama, contenendo lo svantaggio a 591 millesimi dalla vetta con la GP11.1 “Standard” a disposizione da quattro gare a questa parte. Con la configurazione “Evo” introdotta al Motorland Aragon dotata del semitelaio anteriore in alluminio Valentino Rossi, protagonista più volte di un “dritto” nel tentativo di cercare il limite in staccata, paga invece mezzo secondo dal compagno di squadra ritrovandosi in ottava posizione davanti soltanto alla GP11 “Sat.” di Hector Barbera.

In fondo al gruppo, ma in recupero sul piano prestazionale, le tre “novità” dell’evento: il campione All Japan Superbike in carica Kousuke Akiyoshi con la Honda LCR (la seconda presa “in prestito” da Toni Elias) è 17° a 2″6 dalla vetta vincendo per due decimi il “derby” con il compagno di squadra (insieme hanno vinto quest’anno la 8 ore di Suzuka con il team F.C.C. TSR) e pilota a tutti gli effetti “sempreverde” (44 anni!) Shinichi Itoh, ultimo l’australiano specialista dell’Endurance Damian Cudlin che ha già limato un paio di secondi rispetto alla mattinata con la Ducati GP11 orfana di Loris Capirossi del Pramac Racing Team.

MotoGP World Championship 2011
Twin Ring Motegi, Classifica Prove Libere 2

01- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC212V – 1’46.790
02- Casey Stoner – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 0.054
03- Andrea Dovizioso – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 0.162
04- Marco Simoncelli – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 0.398
05- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.520
06- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP11.1 – + 0.591
07- Hiroshi Aoyama – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 0.995
08- Valentino Rossi – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP11.1 – + 1.185
09- Hector Barbera – Mapfre Aspar Team – Ducati Desmosedici GP11 – + 1.265
10- Colin Edwards – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.286
11- Alvaro Bautista – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R – + 1.307
12- Randy De Puniet – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP11 – + 1.584
13- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.589
14- Ben Spies – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 1.777
15- Toni Elias – LCR Honda MotoGP – Honda RC212V – + 1.953
16- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – Ducati Desmosedici GP11 – + 2.515
17- Kousuke Akiyoshi – LCR Honda MotoGP – Honda RC212V – + 2.674
18- Shinichi Itoh – Honda Racing Team – Honda RC212V – + 2.883
19- Damian Cudlin – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP11 – + 4.559

Alessio Piana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy