MotoGP Motegi Prove Libere 1: Casey Stoner vola in testa

MotoGP Motegi Prove Libere 1: Casey Stoner vola in testa

Strepitoso passo, Dovizioso 2° davanti alla Ducati di Hayden

Commenta per primo!

Inizia la decisiva “tripla” del Pacifico per il Motomondiale, ma non cambia nulla al comando della classifica dei tempi per la MotoGP. Al termine della prima sessione di prove libere al Twin Ring di Motegi Casey Stoner, a suo solito, ha spiccato il miglior riferimento cronometrico in 1’47″289 lasciando a poco più di 2 decimi Andrea Dovizioso, a 0″4 un sorprendente Nicky Hayden con la Ducati GP11.1 “standard” a disposizione da quattro gare a questa parte. In vantaggio di 44 punti in campionato nei confronti di Jorge Lorenzo (con la possibilità, tutt’altro che remota, di conquistare il titolo in casa tra un paio di settimane a Phillip Island), il Campione del Mondo 2007 è parso imprendibile sul piano cronometrico su di un tracciato dove salì sul gradino più alto del podio 12 mesi or sono, ma soprattutto sul tetto del mondo nel 2007.

Con la propria Honda RC212V, Stoner si è trovato alla perfezione anche sul caratteristico tracciato nipponico, come espresso nel finale con un miglioramento parziale di 104 millesimi, dando vita ad una sequenza di tornate particolarmente interessanti in proiezione gara: con gomma “dura” davanti e “morbida” dietro, il canguro leader del mondiale ha fissato nuovi limiti velocistici con 5 passaggi sotto l’1’48” (nessuno come lui), seguito a distanza dai compagni di squadra Andrea Dovizioso e Dani Pedrosa, pronti a dare il massimo per salire sul podio e completare l’apoteosi HRC sul tracciato di casa. Se la Honda ha sufficienti ragioni per abbozzare un sorriso, la Yamaha riprendendo i colori del 50° anniversario insegue con Jorge Lorenzo a 623 millesimi. Tanto lavoro, ritmo sull’1’48” basso, c’è margine di miglioramente anche se da vicino “Porfuera” è impensierito da Marco Simoncelli, quinto e protagonista di una scivolata a metà sessione all’altezza della sinistrorsa piega della “V-Corner”, fortunatamente senza alcuna conseguenza per sè e per la propria Honda RC212V Factory.

Contratto 2012 in tasca, “Sic” precede in classifica un ritrovato Colin Edwards, Ben Spies in apparente difficoltà, la Ducati GP11 “Sat” di Hector Barbera e Valentino Rossi, 10° con il canonico 1″3 di svantaggio dalla vetta, per il secondo Gran Premio consecutivo con una Desmosedici caratterizzata dal semitelaio anteriore in alluminio. Restano da spiegare (e rimediare..) nel pomeriggio gli 8 decimi accusati nei confronti del compagno di squadra Nicky Hayden, storicamente non proprio una scheggia a Motegi (soltanto un podio “a tavolino” nel 2003).

Fuori dalle posizioni che contano naviga in 12° piazza Alvaro Bautista con l’unica Suzuki in griglia preceduto dall’idolo di casa Hiroshi Aoyama, parlando delle “novità” in griglia sono tutte in fondo al gruppo. Il campione All Japan Superbike in carica, vincitore quest’anno della 8 ore di Suzuka e tester HRC Kousuke Akiyoshi è 17° a 3″3 dalla vetta su Honda LCR (distante 1″2 dall’occasionale team-mate Toni Elias), davanti al ritrovato ex-protagonista della 500cc Shinichi Itoh (18° a 4″1 con la splendida Honda RCV contraddistinta dai colori ufficiali HRC) e l’australiano Damian Cudlin, protagonista dell’Endurance (7° lo scorso weekend alla 24 ore di Le Mans) e campione IDM Supersport 2010, abile a contenere a 5″9 lo svantaggio dalla vetta alla prima presa di contatto con la Ducati Pramac orfana di Loris Capirossi.

MotoGP World Championship 2011
Twin Ring Motegi, Classifica Prove Libere 1

01- Casey Stoner – Repsol Honda Team – Honda RC212V – 1’47.289
02- Andrea Dovizioso – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 0.277
03- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP11.1 – + 0.443
04- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 0.547
05- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.623
06- Marco Simoncelli – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 0.653
07- Colin Edwards – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.880
08- Ben Spies – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.908
09- Hector Barbera – Mapfre Aspar Team – Ducati Desmosedici GP11 – + 1.117
10- Valentino Rossi – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP11.1 – + 1.378
11- Hiroshi Aoyama – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 1.487
12- Alvaro Bautista – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R – + 1.591
13- Randy De Puniet – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP11 – + 1.603
14- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 2.096
15- Toni Elias – LCR Honda MotoGP – Honda RC212V – + 2.126
16- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – Ducati Desmosedici GP11 – + 2.524
17- Kousuke Akiyoshi – LCR Honda MotoGP – Honda RC212V – + 3.399
18- Shinichi Itoh – Honda Racing Team – Honda RC212V – + 4.172
19- Damian Cudlin – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP11 – + 5.929

Alessio Piana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy