MotoGP Laguna Seca Qualifiche: Bradl beffa Marquez

MotoGP Laguna Seca Qualifiche: Bradl beffa Marquez

Prima pole per Stefan Bradl, Valentino Rossi è 4°

Commenta per primo!

Tutto sembrava portare verso l’investitura di nuovo “Mostro della Laguna” nella persona di Marc Marquez, ma il decisivo “Q2” delle qualifiche ufficiali al Mazda Raceway di Laguna Seca ha consegnato a Stefan Bradl la prima pole position in carriera nella classe regina. Da diverse gare a questa parte in evidenza nel “time attack”, il Campione del Mondo Moto2 2011 negli istanti conclusivi della sessione ha regalato al team LCR Honda di Lucio Cecchinello un risultato storico e, a meno di clamorosi colpi di scena, guadagnandosi la (meritata) conferma “sul campo” nei programmi HRC per la prossima stagione. In evidenza per tutto l’arco del weekend mostrando un passo gara rimarchevole (un “long run” nelle terze libere di pregevole fattura), il tedesco figlio d’arte proprio allo scadere ha fermato i cronometri sull’1’21″176 soffiando la pole per l’inezia di 17 millesimi all’ex rivale nella “middle class” Marc Marquez, in quel momento saldamente al comando in 1’21″193, ma incappato in una scivolata alla curva 6 che porta verso il salitone del “Graham Straight” dopo essersi ritrovato sotto ai suoi stessi tempi nei primi due settori rispettivamente di 16 e 65 millesimi.

Una battuta d’arresto del nuovo capoclassifica di campionato che ha spalancato le porte ad un sensazionale Stefan Bradl, in pole per la prima volta in MotoGP e a quasi due anni di distanza da Misano 2011, l’ultimo exploit in qualifica all’epoca nella classe Moto2. Bradl strappa applausi a Monterey, con il “Mazda Raceway” che comprensibilmente diventa.. “Honda Raceway” con addirittura tre RC213V di tre differenti squadre (e configurazioni tecniche) in prima fila grazie ai già menzionati Bradl e Marquez, ma anche ad Alvaro Bautista, terzo a 197/1000 dalla pole con la RCV del team Gresini equipaggiata delle sospensioni Showa.

Sorpresa (relativa) di un “Q2” che ha visto Valentino Rossi limitare i danni staccando un promettente quarto riferimento cronometrico dopo la prima fila conseguita al Sachsenring, meglio rispetto a Cal Crutchlow (caduto alla curva 3 nella mezz’ora di libere pre-qualifiche) e ai due osservati speciali del weekend, Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa, rispettivamente in sesta e settima piazza con il portacolori Repsol Honda ammesso alla fase finale delle qualifiche grazie all’1’22″017 conseguito nel “Q1”. Entrambi oggi hanno percorso pochi giri, riuscendo tuttavia a precedere le Ducati di Andrea Dovizioso (8°) e Nicky Hayden (10°), così come Bradley Smith (9°) e le ART-Aprilia CRT di Aleix Espargaro (11°) e Randy De Puniet, quest’ultimo dodicesimo passando per il “Q1”, ma scivolato ad inizio sessione alla curva 3.

Non hanno invece superato la prima “tagliola” oltre ad Hector Barbera (beffato per 1/10 da Randy De Puniet, costretto a prender il via dalla tredicesima casella) i nostri esponenti dei “Claiming Rule Team” Danilo Petrucci e Claudio Corti, a braccetto rispettivamente in 16esima e 17esima posizione nello schieramento di partenza, preceduti dal rientrante Alex De Angelis, 14esimo in sostituzione di Michele Pirro (o meglio, Ben Spies, atteso al rientro tra poche settimane ad Indianapolis e spettatore illustre a Laguna Seca) con l’unica Ducati Desmosedici GP13 schierata per l’occasione dal Pramac Racing Team. Il sammarinese si ritroverà affiancato in griglia da un ex-vincitore di Laguna Seca nel Mondiale Superbike come Colin Edwards, mentre prenderà il via dalla 19esima casella Karel Abraham, incappato in una scivolata alla curva 10 nel corso del “Q1” poco dopo aver dato strada a Randy De Puniet. Fuori gioco invece la APR, CRT d’Oltreoceano realizzata da Attack Performance al quarto gettone di presenza in MotoGP, con il telaio (l’unico a disposizione) irreparabile a seguito dello spaventoso highside nelle seconde libere di Blake Young: li rivedremo ad Indianapolis.

MotoGP World Championship 2013
Mazda Raceway Laguna Seca, Classifica Qualifiche (Q2)

01- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V – 1’21.176
02- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.017
03- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V – + 0.197
04- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.242
05- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.244
06- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.277
07- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.552
08- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 0.850
09- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.899
10- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 0.914
11- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 0.923 (CRT)
12- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 – senza tempo (CRT)

Classifica “Q1”

01- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – 1’22.017
02- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 0.677 (CRT)
03- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR – + 0.791 (CRT)
04- Alex De Angelis – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 1.236
05- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 1.255 (CRT)
06- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 1.306 (CRT)
07- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 1.599 (CRT)
08- Yonny Hernandez – Paul Bird Motorsport – ART GP13 – + 1.858 (CRT)
09- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – ART GP13 – + 1.902 (CRT)
10- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – PBM 01 – + 1.970 (CRT)
11- Hiroshi Aoyama – Avintia Blusens – BQR FTR – + 2.218 (CRT)
12- Bryan Staring – GO&FUN Honda Gresini – FTR Honda MGP13 – + 2.739 (CRT)
13- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 2.792 (CRT)

La Griglia di Partenza

01- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V
02- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V
03- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V
04- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1
05- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1
06- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1
07- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V
08- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13
09- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1
10- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13
11- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 (CRT)
12- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 (CRT)
13- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR (CRT)
14- Alex De Angelis – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13
15- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki (CRT)
16- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW (CRT)
17- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki (CRT)
18- Yonny Hernandez – Paul Bird Motorsport – ART GP13 (CRT)
19- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – ART GP13 (CRT)
20- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – PBM 01 (CRT)
21- Hiroshi Aoyama – Avintia Blusens – BQR FTR (CRT)
22- Bryan Staring – GO&FUN Honda Gresini – FTR Honda MGP13 (CRT)
23- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW (CRT)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy