MotoGP Laguna Seca Prove 3: Marquez precede Rossi

MotoGP Laguna Seca Prove 3: Marquez precede Rossi

Bene le Honda, Jorge Lorenzo chiude con il settimo crono

Commenta per primo!

Manca una Honda (e che Honda: la numero 26 di Dani Pedrosa, precauzionalmente “a riposo” in vista delle qualifiche ufficiali) in pista, ma in compenso la terza sessione di prove libere del Red Bull U.S. Grand Prix a Laguna Seca ha portato ben tre RC213V nelle prime quattro posizioni di tre differenti squadre, colori e configurazioni. Davanti a tutti, confermandosi per il momento quale nuovo “Mostro della Laguna”, non poteva che esserci Marc Marquez, il primo a scendere sotto il muro dell’1’22” e a ritoccare al dodicesimo dei 23 giri completati il proprio miglior riferimento cronometrico in 1’21″568. All’esordio assoluto al Mazda Raceway, il nuovo capoclassifica di campionato sembra davvero avere qualcosa di più rispetto agli avversari con soltanto altri due piloti in grado di infrangere il muro dell’1’22”.

Proprio allo scadere, dopo aver navigato fuori dalla top-5 per gran parte della sessione senza riuscire a migliorare i tempi di ieri, Valentino Rossi ha concretizzato un bel salto in avanti fermando i cronometri sull’1’21″752 a soli 184/1000 da Marquez, avvicinato alla tornata seguente in 1’21″823. Prove “di qualifica” per il “Dottore” che si è preso anche un bel rischio nel salitone verso il “Corkscrew” con un’escursione nelle vie di fuga, prove “di passo” con un effettivo “long run” per Stefan Bradl, terzo in graduatoria confermandosi ad altissimi livelli con la RC213V del team LCR Honda scontando 391/1000 dalla vetta.

Con Marquez, Rossi e Bradl gli unici a scendere sotto il muro dell’1’22” nonostante condizioni climatiche tutt’altro che ottimali (consueta nebbia della mattinata, temperature dell’asfalto nell’ordine di 27°), Alvaro Bautista ha concluso con il quarto crono con la RCV equipaggiata delle sospensioni Showa e schierata dal team Gresini seguito nell’ordine da Cal Crutchlow (5°), Andrea Dovizioso (6° dopo il terzo crono di ieri) e Jorge Lorenzo. Se Pedrosa ha preferito non rischiare dovendo oltretutto passare per la “tagliola” del “Q1”, il Campione del Mondo in carica ha portato a 41 il numero di giri compiuti (così ripartiti nelle tre sessioni: 8, 22, 11) staccando il settimo tempo a 0″722 da Marquez, meglio rispetto agli altri piloti ammessi al decisivo “Q2” delle qualifiche ufficiali come Nicky Hayden, Aleix Espargaro e Bradley Smith.

Fuori da questo contesto il già menzionato Dani Pedrosa e, sempre a proposito di prototipi MotoGP 1000cc, un positivo Alex De Angelis, dodicesimo in questa sessione nonostante una scivolata all’avvio dopo un “dritto” al “Corkscrew” in sella all’unica Ducati Desmosedici GP13 schierata questo weekend dal Pramac Racing. Non distante dal pilota sammarinese ha ben figurato Danilo Petrucci, 13esimo con la Ioda-Suter-BMW CRT, ha concluso 19esimo invece Claudio Corti mentre Blake Young, wild card per l’occasione, è stato costretto al definitivo forfait per aver distrutto ieri nelle FP2 l’unico telaio della propria APR (acronimo di Attack Performance Racing) a disposizione: lo rivedremo tra poche settimane ad Indianapolis.

MotoGP World Championship 2013
Mazda Raceway Laguna Seca, Classifica Prove Libere 3

01- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V – 1’21.568
02- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.184
03- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V – + 0.391
04- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V – + 0.517
05- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.619
06- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 0.658
07- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.722
08- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 0.936
09- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 1.165 (CRT)
10- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.244
11- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 1.701 (CRT)
12- Alex De Angelis – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 2.048
13- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 2.489 (CRT)
14- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 2.540 (CRT)
15- Hiroshi Aoyama – Avintia Blusens – BQR FTR – + 2.892 (CRT)
16- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR – + 3.050 (CRT)
17- Yonny Hernandez – Paul Bird Motorsport – ART GP13 – + 3.102 (CRT)
18- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – ART GP13 – + 3.193 (CRT)
19- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 3.327 (CRT)
20- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – PBM 01 – + 3.378 (CRT)
21- Bryan Staring – GO&FUN Honda Gresini – FTR Honda MGP13 – + 3.652 (CRT)
22- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 5.411 (CRT)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy