MotoGP: Jorge Lorenzo “Ti senti come il re del mondo!”

MotoGP: Jorge Lorenzo “Ti senti come il re del mondo!”

Le parole del nuovo Campione del Mondo 2010

Commenta per primo!

Per descrivere le sensazioni derivanti dalla vittoria di un titolo mondiale MotoGP, il primo della carriera, non bastano due righe. Ed infatti Jorge Lorenzo ha voluto così raccontare che cosa sta frullando nella sua testa, dopo aver ottenuto un sigillo fondamentale per la sua carriera, quel passo in avanti che fa la differenza più di tutto e tutti. E’ una dichiarazione di getto la sua, fatta di pensieri sovrapposti e di felicità estrema, ma che rende bene l’idea dello stato d’animo del pilota spagnolo, che nella giornata di ieri ha raggiunto finalmente la vetta più alta del motociclismo mondiale. “Questo è il mio primo titolo nella classe regina e il sogno che si avvera!”, commenta Jorge Lorenzo. “Questo è davvero il massimo che un pilota di moto può ottenere in carriera, quindi dobbiamo festeggiare e godere al meglio di queste ore, minuti e secondi come se fosse la fine del mondo. Immagini sempre questo momento nella testa per tutta la tua vita, ma quando poi arriva non sai cosa fare o dire. Sto cercando di essere rilassato, di parlare in modo chiaro e di non dire niente di ‘pazzo’ ! Sono davvero stanco ora come ora; vorrei solo restare da solo in una stanza da solo per un po’ di minuti, solo per pensare a ciò che ho fatto! Voglio ringraziare così tanta gente, è difficile trovare le parole ma devo menzionare Yamaha, tutto il mio team, Bridgestone e tutti quelli coinvolti. E ovviamente grazie mille ai miei tifosi, che sono stati con me per tutto il percorso. La situazione migliore sarebbe stata quella di una vittoria di gara, ma non era cosa questa volta. Ho fatto una buona partenza e stavo guidando bene, e pensavo di riuscire a scappare da Andrea (Dovizioso) ad un certo punto, ma poi lui mi ha sorpassato e lo stesso è successo con Valentino (Rossi), e ho pensato che c’erano troppi rischi da correre nel lottare per la vittoria; è stato meglio aspettare fino alla fine della gara. Il motociclismo è la mia passione ed il mio lavoro, ma è anche un gioco, ed è questo che intendevo quando ho tenuto in mano il cartello con scritto ‘game over’. Oggi è davvero finito tutto perché io sono il Campione del Mondo! Non penso al futuro ora, voglio solo festeggiare il mio primo titolo MotoGP e non riesco a pensare oltre questa notta, ma solo a godermi il momento. Phillip Island non è il miglior tracciato per la MotoGP ma voglio provare a vincere perché non ci sono mai riuscito. Voglio vincere ancora delle gare in questa stagione e voglio dare il massimo per far ciò. Abbiamo fatto tanta strada; certe cose accadono molto lentamente, altre davvero velocemente. Quando ho iniziato nel mondiale ero tra gli ultimi in 125, ma in soli otto anni sono diventato campione in MotoGP. E’ incredibile come possa cambiare al vita. Abbiamo lottato davvero in modo duro per questo. Sono stato fortunato dal fatto di aver avuto una buona sorte, delle buone moto e team.  Sono sempre stato attorniato da gente che ha voluto il meglio per me e sono grato per questo. Il pre-stagione non è iniziato così bene con il dito rotto, ma alla fine è stato un anno fantastico. Se dovessi scegliere le migliori tre gare, direi che la prima è sicuramente Jerez, visto che lì ho vinto il primo Gran Premio in MotoGP ed è forse il miglior luogo dove vincere. In più mi sono divertito a fare un tuffo nel lago! Silverstone è stata forse la gara migliore da me fatta, poiché sono stato veloce ed aggressivo. Infine qui, non per la prestazione ma per l’importanza e per il titolo. Non sono sicuro ancora se utilizzare il numero uno per la prossima stagione. Se riesco a pensare ad un bel design si, altrimenti resto con il 99! Campione del Mondo, suona incredibile il sentire queste parole, è un piacere davvero grande, ti senti come il re del mondo. Godremo di questa serata al massimo.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy