MotoGP Indianapolis Prove 1: Lorenzo per 0″‘093 su Marquez

MotoGP Indianapolis Prove 1: Lorenzo per 0″‘093 su Marquez

Dovizioso buon terzo, chiude quinto la FP1 Rossi

Commenta per primo!

Archiviate tre settimane di sosta, i protagonisti della MotoGP sono scesi in pista all’Indianapolis Motor Speedway con subito un avvincente confronto al vertice della classifica. In cima al monitor dei tempi per sostanzialmente tutta la sessione, grazie al crono di 1’33″654 Jorge Lorenzo ha concluso in testa la FP1 al Brickyard lasciando a soli 93 millesimi il quattro volte vincitore del GP di Indianapolis (tra MotoGP e Moto2) Marc Marquez, secondo dopo aver trascorso una prima fase della FP1 ai margini della top-15. Buoni riscontri per entrambi con Lorenzo più volte sotto il muro dell’1’34”, barriera infranta anche da Andrea Dovizioso, collocatosi terzo con la prima Ducati Desmosedici GP15 ufficiale (e con gomma morbida) a precedere nell’ordine Dani Pedrosa (4° a 0″396 dalla vetta) e Valentino Rossi, quinto accusando un gap di 720 millesimi dal teammate Lorenzo, autore di un best lap in 1’34″374 al quinto dei venti giri effettuati.

A soli 6 millesimi dal capoclassifica di campionato e primo vincitore del GP di Indianapolis, Andrea Iannone è sesto con la seconda Ducati GP15 tenendo testa a Cal Crutchlow (LCR Honda), Pol Espargaro (riconfermato in Tech 3 Yamaha per il 2016) con il sorprendente Mike Di Meglio (primatista tra le “Open” su Ducati GP14 Avintia via-gomma di mescola morbida) e Maverick Vinales a completare la top-10. Non distante da questi riferimenti Alvaro Bautista è quattordicesimo con la prima Aprilia seguito da Danilo Petrucci (17°), chiude 21° con una scivolata a inizio turno il sammarinese Alex De Angelis (ART Ioda) a precedere le due “novità” del weekend: Stefan Bradl (22° a 2″7 al debutto con Aprilia) e Toni Elias, convocato dall’AB Motoracing per correre con la Honda RC213V-RS Open orfana dell’infortunato Karel Abraham.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy