MotoGP: CRT, tante novità nei test 2013 a Valencia

MotoGP: CRT, tante novità nei test 2013 a Valencia

Nuove moto e piloti, esordio delle Bridgestone dedicate

Commenta per primo!

Archivato l’anno “zero”, con la due giorni di test post-GP all’Autodromo Ricardo Tormo di Valencia per i “Claiming Rule Team” della MotoGP è iniziata ufficialmente la stagione della verità e di consolidamento della nuova formula voluta (e spinta) da Dorna Sports per rimpolpare lo schieramento di partenza della top class. In ottica 2013, la CRT presenta diversi spunti d’interesse, intravisti nei 90 minuti di pista asciutta offerti delle mutevoli condizioni climatiche di Cheste: nuove moto, piloti e.. gomme. A Valencia, infatti, la Bridgestone ha portato all’esordio un nuovo pneumatico posteriore “dedicato” alle caratteristiche delle CRT, assecondando le richieste di piloti e squadre emerse nell’arco della stagione 2012. Ad occuparsi del primo test della nuova specifica sono stati due piloti in sella alle ART-Aprilia: per conto del team Aspar Randy De Puniet, per conto del proprio team Cardion AB Motoracing l’esordiente tra le CRT Karel Abraham, entrambi rimasti soddisfatti del potenziale della “Bridgestone dedicata” aspettando il primo vero banco di prova del febbraio prossimo a Sepang. Entrando più nello specifico delle novità tecniche, Aprilia (pardon, ART) ha affidato al team Aspar la versione 2013 della propria CRT su base RSV4: nuovo telaio, nuovo software dell’elettronica che ha convinto i riconfermati Randy De Puniet ed il primo Campione del Mondo nella storia della categoria Aleix Espargaro, sceso in pista soltanto in condizioni di bagnato tanto da concludere i test anzitempo attorno alle 12:00 del secondo giorno di attività. Con ART che per il 2013 potrà contare anche su un ritrovato “cliente” come Karel Abraham, rimasto sorpreso delle pecualirità della moto (“Meno potente, ma più agile in curva rispetto alla Ducati“), a Valencia l’ambizioso team Forward Racing ha potuto concretizzare un confronto tra Suter-BMW e FTR-Kawasaki con i due piloti titolari Colin Edwards e Claudio Corti: prevedibilmente, dopo i problemi incontrati (ed espressi a gran voce dal “Texas Tornado”) nell’arco della stagione 2012, la scelta è ricaduta sulla seconda soluzione per l’anno venturo. Proseguirà così in esclusiva il lavoro di sviluppo della Ioda-Suter-BMW invece Danilo Petrucci, sceso in pista soltanto nella seconda giornata di prove.. Per finire, il team Avintia Blusens a Valencia ha presentato la nuova coppia di piloti dalla consolidata esperienza in MotoGP: Hiroshi Aoyama (già al via della gara domenica, caduto in due distinte occasioni nei test) ed Hector Barbera, quest’ultimo sorpreso dal potenziale della BQR-FTR Kawasaki. “E’ senza dubbio diversa rispetto alla Ducati MotoGP, ma mi ha stupito la potenza: pensavo di meno, ed invece…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy