MotoGP: Colin Edwards salterà Valencia, rientro nel 2012

MotoGP: Colin Edwards salterà Valencia, rientro nel 2012

Operazione in vista per il “Texas Tornado”, saluta così Tech 3

Commenta per primo!

Coinvolto nel drammatico incidente di Sepang dove ha perso la vita Marco Simoncelli, il due volte Campione del Mondo Superbike Colin Edwards sarà costretto a saltare per infortunio l’ultimo appuntamento della stagione 2012 a Valencia, salutando così in anticipo il team Tech 3 per il quale ha corso dal 2008 a questa parte.

Il “Texas Tornado”, già sotto contratto con il Forward Racing per correre con la Suter-BMW CRT nella stagione 2012, ha rimediato una frattura nell’omero sinistro, osso tra la scapola e la clavicola. Visitato mercoledì scorso dal Dottor Henry Small dell’University General Hospital di Houston, Edwards sarà sottoposto martedì prossimo ad un intervento chirurgico, con tempi di guarigione di 4 settimane.

Colin chiuderà così in anticipo la lunga parentesi di carriera con il team Tech 3 di Herve Poncharal, già al lavoro per trovare un sostituto all’altezza per la gara di Valencia mentre, come risaputo, per il 2012 affiderà le due Yamaha YZR M1 1000cc al riconfermato Cal Crutchlow e Andrea Dovizioso.

Innanzitutto desidero ringraziare tutti per i messaggi personali che ho ricevuto sin da domenica“, afferma Colin Edwards. “Il supporto e l’affetto mostrato in questi giorni è davvero di gran conforto per me in questo momento difficile. Tutti i miei pensieri sono rivolti alla famiglia di Marco: volevo esserci ieri al funerale, ma purtroppo il mio infortunio non mi ha consentito di viaggiare. So che Valentino ha parlato per me alla sua famiglia, desidero ringraziarlo pubblicamente: ci tenevo moltissimo.

Mi sarebbe piaciuto correre a Valencia per correre nel ricordo di Sic e dare il mio contributo alla MotoGP, ma martedì andrò sotto i ferri. Ci vorranno quattro settimane di guarigione, ma sarò pronto per il 2012“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy