MotoGP: Casey Stoner “C’è margine per andar più forte”

MotoGP: Casey Stoner “C’è margine per andar più forte”

Non si accontenta nonostante due turni di prove dominati

Commenta per primo!

Costantemente sotto l’1’31”, al comando della classifica dei tempi nella prima (in 1’30″475) e seconda (1’30″535) sessione di prove libere nella “sua” Phillip Island. Insomma, a suo modo Casey Stoner ha inaugurato l’edizione 2011 del Gran Premio d’Australia, potenzialmente decisivo per la corsa al titolo mondiale con il primo “match point” da sfruttare nella giornata di domenica. Inavvicinabile sul piano velocistico, l’unico neo è una scivolata nel primo turno di prove libere, ritrovatosi a terra dopo pochi minuti dal via della sessione per ironia della sorte alla curva “Honda”.

Non sono completamente a mio agio con la moto“, spiega Casey Stoner. “Sono convinto che ci sia la possibilità di migliorare la messa a punto. Rispetto al 2010 mi trovo meglio con la Honda, ma con tutti gli avvallamenti dell’asfalto è necessario trovare un bilanciamento ideale per avere una sensazione al 100 % in sella.

La pista è senza dubbio più irregolare rispetto allo scorso anno, dobbiamo trovare un modo per non incontrare particolari problemi all’anteriore e, allo stesso tempo, più grip al posteriore. C’è senza dubbio ancora del lavoro da fare per trovare il giusto set-up, perchè sono convinto ci sia la possibilità di andare più forte“.

Come risaputo domenica Casey Stoner può laurearsi per la seconda volta Campione del Mondo MotoGP, a patto di vincere (e dal 2007 è imbattuto a Phillip Island…) con Jorge Lorenzo giù dal podio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy