MotoGP Austin Prove Libere 3: l’orgoglio di Dani Pedrosa

MotoGP Austin Prove Libere 3: l’orgoglio di Dani Pedrosa

Batte Marquez a terra nei primi minuti

Commenta per primo!

Weekend a senso unico verso Cervera? Può darsi, ma per il momento Dani Pedrosa, d’orgoglio con un apprezzabile riferimento cronometrico in 2’04″408 è davanti. Il tri-Campione del Mondo tra 250 e 125cc, piegato dal proprio giovane (e scomodo) compagno di squadra ieri ed, ancor prima, a Losail, con un bel giro finale con la Bridgestone morbida e l’asfalto più “gommato” ha staccato il miglior tempo nell’ultima sessione di prove libere utile per decretare i 10 piloti ammessi di diritto al “Q2”, lasciando a 387 millesimi un Marc Marquez che ha pensato bene di non farsi (e farci) mancare nulla nei 45 minuti di attività. Una caduta, con gomma fredda, dopo soli 5 minuti dal semaforo verde di inizio sessione alla curva 19, ma soprattutto un “passo” spaventoso una volta salito in sella alla seconda RC213V Factory Spec. a disposizione: due pregevoli tornate consecutive in 2’04″991 e 2’04″795, costretto ad arrendersi nel finale soltanto ad un Pedrosa deciso a ristabilire le gerarchie al box Repsol Honda.

Bel duello tutto in casa HRC, rincorsa non completata per Jorge Lorenzo, terzo pur contenendo lo svantaggio dalla vetta a 887/1000 (e a mezzo secondo netto da Marquez), impossibilitato a scender sotto il muro del 2’05” esclusiva assoluta dei due catalani del Repsol Honda Team. Il Campione del Mondo in carica resta in ogni caso il primo degli inseguitori e l’unico a contenere il gap a meno di 1″, seguito a 335/1000 da Cal Crutchlow (buon 4° con la Yamaha Tech 3), Stefan Bradl e Andrea Dovizioso, sesto dopo il problema elettrico accusato ieri e per un paio di decimi più veloce rispetto al suo predecessore in Ducati Valentino Rossi, settimo scontando 1″7 dal primato di Pedrosa.

Il “Dottore” figura tra i qualificati al “Q2” insieme ad Alvaro Bautista, Nicky Hayden e l’idolo di casa in Texas Ben Spies, l’ultimo tra gli eletti per la decisiva sessione di qualifiche ufficiali a scapito del “poleman” tra le CRT Aleix Espargaro (11°) e le altre due MotoGP 1000cc di Bradley Smith (Yamaha Tech 3, 12°) e del proprio compagno di squadra in Ducati Pramac Andrea Iannone (13°).

Distacchi importanti per il restante plotone dei “Claiming Rule Team” con Danilo Petrucci 17° su Ioda-Suter-BMW e Claudio Corti 19° con la FTR Kawasaki, in coda al gruppo la wild card due volte vice-Campione AMA Superbike Blake Young (24° con la APR realizzata da Attack Performance su base Kawasaki Ninja ZX-10R), rientrato nel 107 % a scapito del più esperto connazionale Michael Barnes, fuori dai giochi con la BCL GP212 sviluppata da GPTech su base Suzuki GSX-R 1000 K9 scontando nei tre turni oltre 10″ dalla coppia HRC in fuga.

MotoGP World Championship 2013
Circuit of the Americas Austin, Classifica Prove Libere 3

01- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – 2’04.408
02- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.387
03- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.887
04- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.222
05- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V – + 1.500
06- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 1.555
07- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 1.765
08- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V – + 1.892
09- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 2.214
10- Ben Spies – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 2.454
11- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 2.741 (CRT)
12- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 3.306
13- Andrea Iannone – Energy T.I. Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 3.341
14- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 3.997 (CRT)
15- Yonny Hernandez – Paul Bird Motorsport – ART GP13 – + 4.106 (CRT)
16- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – ART GP13 – + 4.841 (CRT)
17- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 5.001 (CRT)
18- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR – + 5.096 (CRT)
19- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 5.252 (CRT)
20- Hiroshi Aoyama – Avintia Blusens – BQR FTR – + 5.267 (CRT)
21- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 5.290 (CRT)
22- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – PBM 01 – + 5.701 (CRT)
23- Bryan Staring – GO&FUN Honda Gresini – FTR Honda MGP13 – + 6.609 (CRT)
24- Blake Young – Attack Performance Racing – Attack Performance APR – + 7.120 (CRT)
25- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 9.102 (CRT)
26- Mike Barnes – GPTech – BCL GP212 – + 11.875 (CRT)

Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy