MotoGP Austin Prove 1: Marc Marquez stacca tutti

MotoGP Austin Prove 1: Marc Marquez stacca tutti

Secondo Aleix Espargaro, Valentino Rossi è 4°

Commenta per primo!

Prima sessione della MotoGP al Circuit of the Americas di Austin con il Campione del Mondo in carica Marc Marquez davanti a tutti. Sui 5.513 metri del circuito texano il pilota del team Repsol Honda conferma il suo splendido stato di forma per nulla scalfito dall’infortunio al perone destro subito un mese e mezzo fa. Il giovane talento spagnolo ha dominato la sessione, sottolineando il suo ottimo feeling con la pista di Austin, tracciato dove lo scorso anno ottenne la sua prima affermazione nella massima serie.

Marquez ha fatto segnare un riferimento cronometrico di 2:04.704 tempo che sfiora il record della pista fatto registrare dallo stesso MM93 in gara (2’04.242) nell’edizione 2013. Dietro al Campione del Mondo si piazza Aleix Espargarò, vera sorpresa di questo avvio di stagione. Lo spagnolo in sella alla FTR-Yamaha è primo tra le “Open” ed è l’unico, insieme a Dani Pedrosa (2’05.676), a contenere il ritardo dal leader al di sotto del secondo (+0.887). Lo spagnolo del team ufficiale HRC è riuscito sotto la bandiera a scacchi a portare la sua RC213V davanti alla Yamaha M1 di Valentino Rossi che paga circa un secondo e 3/10 di ritardo da Marquez. Quinta la prima Ducati, quella di Andrea Dovizioso che precede Bradley Smith e Cal Crutchlow, vittima di un problema elettronico nei primi minuti della sessione.

Come in Qatar inizio di weekend in salita per Jorge Lorenzo. Il pilota del team Movistar Yamaha ha continuato a soffrire il momento di massima piega dovuto al non perfetto bilanciamento della M1. Il crono del maiorchino (2’06.771) non gli permette di andare oltre il 12° posto, ad oltre due secondi da Marquez. Nella top ten anche Andrea Iannone, che paga poco meno di 2 secondi di ritardo mentre Danilo Petrucci sulla ART del team Iodaracing è 20°.

Christian Tarragoni

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy