MotoGP Assen Prove 3: brutta caduta di Marc Marquez

MotoGP Assen Prove 3: brutta caduta di Marc Marquez

La pista si asciuga e Marquez vola a terra nel finale

di Redazione Corsedimoto

Asfalto bagnato dalla pioggia al TT Circuit Van Drenthe di Assen per la terza sessione di prove libere della classe MotoGP, di fatto per nulla significativa al fine di determinare i 10 piloti ammessi direttamente al decisivo “Q2” delle qualifiche ufficiali. Grazie ai tempi del primo turno del giovedì, l’unico disputatosi sull’asfalto asciutto, si sono garantiti questo lasciapassare gran parte dei piloti in sella ai prototipi MotoGP 1000cc eccezion fatta per i Ducatisti Andrea Dovizioso (11°), Nicky Hayden (12°) e Andrea Iannone (16°), costretti a passare per la “tagliola” del Q1 e, se vogliamo, “beffati” dall’illustre assente di giornata: Jorge Lorenzo.

Operato nella notte al General Hospital de Catalunya di Barcellona con ben due ore di intervento chirurgico per risistemare, con una placca in titanio ed otto viti di fissaggio, la frattura scomposta al terzo mediale della clavicola sinistra rimediata ieri nelle seconde libere, il Campione del Mondo in carica nel pomeriggio saprà se domani potrà tentare l’impresa di risalire in sella alla propria Yamaha YZR M1. Una missione difficile, ma non “impossibile” per il maiorchino, autore ieri del miglior riferimento cronometrico in 1’35″263 garantendosi nell’eventualità la quarta fila dello schieramento di partenza (12°).

Se tutte le attenzioni degli attesi ai lavori sono state riservate a quanto sta accadendo a Barcellona, in pista Assen ha offerto una terza sessione di prove libere con un altro clamoroso “botto” nel finale. Con l’asfalto che andava man mano asciugandosi, Marc Marquez ha azzardato la scelta delle slick, ma con il risultato, dopo essersi ritrovato in vantaggio di 7/10 al terzo settore, di incappare in un pauroso highside all’ingresso della veloce piega sinistrorsa della “Ramshoek” verso l’ultima variante che immette sul rettilineo dei box. Brutta, brutta caduta per il nativo di Cervera imbattuto dell’ultimo triennio ad Assen (vincitore nel 2010 tra le 125cc, in Moto2 nel 2011 e 2012), apparentemente fortunato a non rimediare nessuna conseguenza fisica in un “pazzo” finale di sessione con 4 piloti in grado di migliorarsi con le slick proponendo una graduatoria dei tempi a dir poco inedita.

In 1’40″029 Alvaro Bautista si è rivelato il più veloce con la Honda RC213V del team Gresini, poco meno di 2/10 meglio rispetto alla ART-Aprilia CRT del team Aspar affidata a Randy De Puniet, a seguire ad oltre 5″ Michele Pirro (3°), Ivan Silva (sostituto dell’infortunato Hiroshi Aoyama con la BQR-FTR del team Avintia Blusens), il già menzionato Marc Marquez, Cal Crutchlow e le Ducati GP13 ufficiali di Andrea Dovizioso e Nicky Hayden. Pochi giri percorsi per tutti gli altri, da Dani Pedrosa (9°) ai nostri Valentino Rossi (12°), Andrea Iannone (13°), Claudio Corti (14°) e Danilo Petrucci (17°) per una classifica oggettivamente poco indicativa sui valori in campo.

MotoGP World Championship 2013
TT Circuit Van Drenthe Assen, Classifica Prove Libere 3

01- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V – 1’40.029
02- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 0.194 (CRT)
03- Michele Pirro – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 5.572
04- Ivan Silva – Avintia Blusens – BQR FTR – + 6.695 (CRT)
05- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 6.732
06- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 6.952
07- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 6.985
08- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 6.998
09- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 7.026
10- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – ART GP13 – + 7.753 (CRT)
11- Yonny Hernandez – Paul Bird Motorsport – ART GP13 – + 8.038 (CRT)
12- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 8.138
13- Andrea Iannone – Energy T.I. Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 8.368
14- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 8.466 (CRT)
15- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 8.793
16- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 8.947 (CRT)
17- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 9.037 (CRT)
18- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – PBM 01 – + 9.230 (CRT)
19- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR – + 9.283 (CRT)
20- Bryan Staring – GO&FUN Honda Gresini – FTR Honda MGP13 – + 9.608 (CRT)
21- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 10.472 (CRT)
22- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V – + 10.801
23- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 12.089 (CRT)

Classifica Combinata FP1-FP2-FP3

01- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – 1’35.263
02- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.350
03- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.620
04- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.695
05- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.771
06- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 1.167 (CRT)
07- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V – + 1.296
08- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V – + 1.500
09- Michele Pirro – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 1.647
10- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.739
11- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 1.778
12- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 1.890
13- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – ART GP13 – + 2.083 (CRT)
14- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR – + 2.193 (CRT)
15- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 2.226 (CRT)
16- Andrea Iannone – Energy T.I. Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 2.275
17- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 2.391 (CRT)
18- Yonny Hernandez – Paul Bird Motorsport – ART GP13 – + 2.654 (CRT)
19- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 2.884 (CRT)
20- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 3.071 (CRT)
21- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – PBM 01 – + 3.611 (CRT)
22- Bryan Staring – GO&FUN Honda Gresini – FTR Honda MGP13 – + 4.445 (CRT)
23- Ivan Silva – Avintia Blusens – BQR FTR – + 4.687 (CRT)
24- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 6.429 (CRT)

I primi 10 ammessi direttamente al Q2

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy