Marquez e Bautista incontrano la pioggia a Sepang

Marquez e Bautista incontrano la pioggia a Sepang

Prima giornata di test privati HRC in Malesia

Commenta per primo!

Una finestra di tre ore di prove prima dell’avvento della pioggia. Non è iniziata nel miglior modo possibile l’inaugurale giornata di test privati organizzati dalla HRC al Sepang International Circuit con la presenza di Marc Marquez (unico rappresentante del Repsol Honda Team: Dani Pedrosa tornerà in pista il prossimo mese di febbraio) e Alvaro Bautista (sotto le rinnovate insegne del Team Go & Fun Honda Gresini) oltre che di Kousuke Akiyoshi e Takumi Takahashi, protagonisti dell’All Japan Superbike (rispettivamente 1° e 2° nella stagione 2011), convocati dalla casa madre per dare il loro contributo a questi test nello sviluppo di alcune parti per la Honda RC213V 2013. Con i piloti scesi in pista soltanto alle 11:00, giusto tre ore più tardi alle 14:00 in punto la pioggia ha invitato Marquez & co. a rientrare anzitempo in pit-lane per una chiusura anticipata delle prove in programma, rimandando (si spera) il tutto alle successive due giornate di attività del martedì e mercoledì. Per Marc Marquez, alla seconda presa di contatto con la Honda RC213V Factory Spec. ex-Stoner, 26 giri da sommare ai 28 completati (21 effettivi) a Valencia attestandosi su di un best-time di 2’03″650. “La pioggia finora non ci ha dato una mano“, ha commentato il Campione del Mondo Moto2 in carica. “Abbiamo fatto soltanto quattro “run” prima della pioggia. Ho girato con lo stesso set di pneumatici migliorando giro dopo giro nonostante le condizioni della pista non erano ideali a causa della pioggia della nottata. Speriamo andrà meglio domani“. Tra i piloti titolari Honda MotoGP è presente a Sepang anche Alvaro Bautista, impegnato in prove comparative per la propria RCV Clienti (freni Nissin, sospensioni Showa) schierata dal team Gresini ed in grado di siglare un giro veloce in 2’02″190, comprensibilmente distante dalla pole-record di Lorenzo dello scorso mese di ottobre in 2’00″334. Per conto del “Test Team” HRC, a Sepang è tornato in sella ad una RC213V Kousuke Akiyoshi, Campione All Japan Superbike 2010 e 2011 nonchè vincitore delle ultime due edizioni della 8 ore di Suzuka, dal 2009 collaudatore HRC (ed occasionale pilota) ed il più attivo in pista con 32 giri all’attivo ed un miglior crono in 2’04″21. Ha esordito “pubblicamente” invece in sella ad una MotoGP Takumi Takahashi, 23 anni oggi (auguri!), il più giovane vincitore di sempre alla 8 ore di Suzuka (da titolare nel 2010 insieme a Ryuichi Kiyonari), vice-Campione All Japan Superbike 2011 ed in trionfo quest’anno nel round di Suzuka prima di un prolungato stop per infortunio a seguito di una frattura alla clavicola rimediata ad Autopolis. Takumi (nessun legame di parentela con Yuki, pilota Moto2), ha completato 18 giri con un parziale di 2’09″91, ma con tutti i margini di miglioramento del caso: d’altronde, e non è un caso, la Honda da due anni finanzia le sue “vacanze studio” in moto presso il ranch di Kenny Roberts Sr in California…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy