Marc Marquez: “In gara ad Aragon sono stato stupido”

Marc Marquez: “In gara ad Aragon sono stato stupido”

Dall’errore di Aragon al primo match point mondiale

Commenta per primo!

Finito a terra in gara al MotorLand Aragón, questo weekend a Motegi Marc Marquez punta al riscatto con la possibilità di giocarsi il primo ‘match point’ per la conquista del titolo, non senza tornar prima su quanto accaduto in Aragona.

Quando ho rivisto la gara mi son detto ‘Sono proprio stato stupido a continuare’!“, ha ammesso Marc Marquez nel corso della pre-event Press Conference a Motegi. “In quel momento sembrava la scelta giusta: mancavano solo 3 giri, c’era ancora grip, pensavo si potesse continuare con le slick… ed invece niente, è andata così, la decisione giusta era quella di Lorenzo. Ad ogni modo è stata un’esperienza utile per il futuro, saprò cosa fare nelle prossime occasioni“.

Nonostante l’errore di Aragon, Marquez si ritroverà questo fine settimana a Motegi con la possibilità di giocarsi il primo ‘match point’ mondiale. “E’ la nostra prima chance per raggiungere questo traguardo, ma non cambia nulla: correrò come sempre. Per vincere il mondiale devo stare davanti ai più diretti inseguitori, pertanto è questo il mio obiettivo del weekend. Non sono nervoso più del solito, comunque ci saranno poi altre tre gare per riuscirci“.

Marquez ha poi espresso la sua opinione sull’utilizzo, o meno, dell’erba sintetica. “Ne abbiamo già parlato in Safety Commission e torneremo sull’argomento domani. Penso dovremmo toglierla, già dopo l’incidente di Bradl lo scorso anno in Malesia eravamo di quest’idea“.

Infine il Campione del Mondo in carica ha detto la sua sullo sfortunatissimo Jules Bianchi. “Ho visto la gara: inizialmente si capiva poco, poi ho visto l’incidente e ci sono rimasto male. Auguro tutto il meglio a lui. La F1 non è la MotoGP, ma è sempre Motorsport, pertanto c’è solidarietà tra i piloti. Non posso far nulla se non sperare che si riprenda“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy