Lettera del Presidente Sesti sui diritti TV della MotoGP

Lettera del Presidente Sesti sui diritti TV della MotoGP

Lettera aperta del Presidente FMI Paolo Sesti

Commenta per primo!

A seguito dell’interruzione della trattativa tra Dorna Sports e Rai per l’acquisizione dei secondi diritti TV delle tre classi del Motomondiale, il Presidente della Federazione Motociclistica Italiana Paolo Sesti è intervenuto con una lettera aperta indirizzata ai vertici di Rai Sport per rivedere la politica attuata in vista dell’imminente inizio della stagione 2013.

La lettera aperta del Presidente FMI Paolo Sesti

La recente notizia dell’interruzione delle trattative fra Dorna e RAI per l’acquisizione dei secondi diritti Tv del Motomondiale è un segnale di allarme e di sconcerto per tutto il mondo delle due ruote a motore. Sarebbe una perdita grave per l’istituzionale servizio pubblico che, dal 2002, offre una copertura televisiva e radiofonica di fondamentale completamento e competenza.

A nome di tutta la Federazione Motociclistica Italiana e di tutti gli appassionati di motori, esorto i vertici di Rai Sport a trovare una soluzione per continuare ad offrire un servizio indispensabile nell’approfondimento e nel supporto e non solo perché il motociclismo è uno degli sport più seguiti in Italia. Il mondo della moto è passione, ma anche energie umane e lavorative, è prestigiosa tradizione italiana ed è anche un importante investimento per il futuro con i tanti giovani piloti impegnati ai massimi livelli.

Auspico quindi in un ripensamento da parte dei vertici RAI per poter continuare a seguire servizi ed approfondimenti sia televisivi che radiofonici sul Motomondiale, massima espressione del nostro Sport“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy