Jorge Lorenzo: “Distacco minimo tra Yamaha e Honda”

Jorge Lorenzo: “Distacco minimo tra Yamaha e Honda”

Chiude a soli 8 millesimi da Dani Pedrosa

Commenta per primo!

Per soli 8 millesimi non è arrivata la “pole” di giornata, ma come inizio dell’anno nuovo Jorge Lorenzo ha tutte le ragioni per mostrarsi soddisfatto. La sua Yamaha YZR M1 portata in trionfo lo scorso anno è cresciuta su diversi aspetti anche nei confronti delle Honda: significativi progressi in fase di accelerazione in uscita dalle curve, in più il solito passo-gara costante che ha giustificato il soprannome di “Martillo” del quattro volte Campione del Mondo. “Questa mattina ho cercato di ritrovare il feeling in sella ad una MotoGP“, spiega Jorge Lorenzo. “Rispetto ai test dello scorso anno dopo così tanti mesi di inattività ci ho messo di meno. Nel corso della giornata abbiamo provato diverse cose lasciate in sospeso per la pioggia incontrata nei test ad Aragon, ma ci resta del lavoro da fare: alcune vanno bene, altre necessitano dei miglioramenti. Ci penseremo domani quando proveremo altre novità. jorge_lorenzo_sepang_2013_test1_1Complessivamente abbiamo bisogno di migliorare la progressione e l’accelerazione della moto in uscita di curva: ci sono stati dei progressi, ma non è ancora uno dei nostri punti a nostro favore. Il distacco tra le Yamaha e le Honda è davvero esiguo, in più la costanza di rendimento resta uno dei miei punti forti: spero sarà così anche in questa stagione“. Parole confermate dai fatti: addirittura 13 giri sotto il muro del 2’02”, nessuno come lui nell’odierna giornata di test a Sepang.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy