Dani Pedrosa: “Il chattering resta sempre un problema”

Dani Pedrosa: “Il chattering resta sempre un problema”

Nei test a Brno conclude 4°, a 4 millesimi da Lorenzo

Commenta per primo!

A poche ore dalla strepitosa vittoria in gara, Dani Pedrosa è tornato in pista all’Automotodrom di Brno per una giornata di test collettivi post-GP con il chiaro intento di proseguire il lavoro di sviluppo, messa a punto e affinamento della propria Honda RC213V.

Grazie ai riferimenti acquisiti nel week-end di gara, il tri-Campione del Mondo ha effettuato prove comparative di set-up (con l’adozione di un nuovo ammortizzatore Ohlins) con il chiaro intento di risolvere il “morbo del chattering” che affligge sin dal Day 1 la propria Honda RC213V.

Le sensazioni, a detta del pilota catalano, sono positive, tanto da riuscire a completare 45 giri con un miglior crono personale in 1’56″703 (il quarto di giornata a soli 4 millesimi da Jorge Lorenzo, 3°), 4/10 dall’1’56″346 siglato ieri in gara con condizioni della pista differenti.

Oggi abbiamo cercato di trovare qualche soluzione per ridurre il chattering, ma resta un problema difficile da risolvere. Ci siamo concentrati prevalentemente su elettronica e sospensioni al fine di avere più grip nel punto di massima inclinazione in percorrenza ed in uscita di curva, provando anche un nuovo ammortizzatore Ohlins con positive sensazioni.

Adesso abbiamo diverse idee per i prossimi test in programma ad Aragon settimana prossima. Oggi la pista era un pò più lenta rispetto alla gara e nel pomeriggio c’era molto vento, ma tutto sommato è stato un test importante.

Brno è un circuito ideale per provare, a maggior ragione con i riferimenti diretti della gara di ieri. Adesso contiamo di proseguire questo lavoro di sviluppo e messa a punto al MotorLand Aragon.“

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy