MotoGP Valencia Conferenza Stampa, le parole dei piloti

MotoGP Valencia Conferenza Stampa, le parole dei piloti

Cosa hanno detto Marquez, Rossi, Lorenzo, Dovizioso, Barbera ed il rientrante Pedrosa in conferenza stampa MotoGP a Valencia.

Si apre ufficialmente l’ultimo appuntamento della stagione 2016 a Valencia, come sempre preceduta dalla conferenza stampa del giovedì con i protagonisti del Mondiale. Hanno preso parte all’evento il campione del mondo Marc Marquez, Valentino Rossi, Jorge Lorenzo, Andrea Dovizioso, il rientrante Dani Pedrosa e Hector Barbera.

Si comincia con Marc Marquez, che in questa gara di casa festeggerà con i suoi fan il titolo iridato ottenuto a Motegi: “Le ultime gare non sono state un buon modo per celebrare il titolo, c’era un po’ di pressione per cercare di finire sempre tutte le gare. Ora andiamo a Valencia: è un tracciato che mi piace e cercheremo di fare del nostro meglio. Qui non c’è più pressione perché è già tutto deciso, ma speriamo nel bel tempo, soprattutto domenica. Martedì e mercoledì poi comincia la nuova stagione: non abbiamo ancora parlato molto di questo ma dovremo stare concentrati perché ci saranno tante cose da provare e sarà importante partire bene“.

Valentino Rossi è ormai sicuro della seconda posizione iridata, ma non per questo non cercherà la vittoria anche a Valencia: “La seconda parte di stagione non è andata male, ho realizzato molte belle gare. Valencia sarà difficile per me ma dobbiamo lavorare bene, rimanere concentrati e sperare nel bel tempo, per poter lottare domenica per le posizioni del podio. Ci sono stati tanti vincitori quest’anno per diversi fattori: le gomme, non sempre facili da gestire, oltre al tempo, ma è stata una stagione combattuta e questo è interessante per il campionato. Martedì ci sono già i test: è sempre strano provare a Valencia, appena finita la gara si comincia con la stagione successiva, ma non vedo l’ora di provare la nuova moto. Saranno dei test interessanti comunque, anche perché molti piloti cambiano moto“.

Jorge Lorenzo si prepara a vivere il suo ultimo GP con Yamaha, prima di iniziare una nuova esperienza con Ducati: “Al momento ho sentimenti misti, ma preferisco pensare al presente, quindi a questo weekend, ed a cercare di finire bene una lunga carriera con Yamaha, che mi ha dato molto. Valencia è un tracciato che mi piace e si adatta bene al mio stile: sarà un’altra occasione per lottare per la vittoria o per il podio. Ho trascorso tanti anni con le stesse persone e la stessa moto, sarà un cambiamento importante, ma ci penserò dopo la gara“.

Andrea Dovizioso è ancora felice per la splendida vittoria conquistata a Sepang e guarda con ottimismo alla tappa spagnola: “In passato a Valencia non siamo mai andati benissimo, ma quest’anno siamo stati competitivi in tracciati molto diversi tra loro e questa è una cosa positiva. Ducati ha ottenuto due vittorie in questa stagione e sono state davvero importanti, ma ora dobbiamo pensare a chiudere bene il 2016. Non è stato facile gestire le gomme quest’anno, né per noi né per tutti gli altri, ma siamo migliorati e ci siamo avvicinati a Yamaha e Honda. Mi fa piacere continuare per altri due anni con Ducati, credo molto in questo progetto.” Per quanto riguarda il futuro compagno di squadra, “Sono contento dell’arrivo di Jorge e sono curioso di vedere come andrà con la Ducati, sarà molto interessante“.

Dopo aver passato l’esame medico ed aver ottenuto l’idoneità per correre, Dani Pedrosa si prepara all’ultimo appuntamento della stagione: “Ora la spalla sta bene. Le prime due settimane sono state le più difficili non solo per la clavicola, ma anche per la gamba ed il piede. Tre fratture in una sola caduta sono tante, ma dopo aver rivisto la dinamica dell’incidente posso dire che mi è andata bene. Sono contento di essere tornato: non mi sento ancora completamente in forma, ma da domani capiremo davvero come sto“.

Si chiude il giro di domande con Hector Barbera, sempre più competitivo nel corso della stagione e deciso a chiudere al meglio il 2016: “Questa è senza dubbio la mia miglior stagione in MotoGP. Ho chiuso per due volte in top5, mi sento bene in sella e la squadra sta lavorando bene, ne sono contento. Provare la moto ufficiale è stata un’esperienza: è completamente diversa dalla mia ed è difficile capirla in una gara, ma è molto competitiva. Sarà la moto che userò l’anno prossimo: ha tanta potenza, mi piace molto e avremo vari giorni a disposizione per provarla e capire come va“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy