MotoGP Ufficiale Via la curva dell’incidente Verrà usata la chicane della F1

MotoGP Ufficiale Via la curva dell’incidente Verrà usata la chicane della F1

Dopo il sopralluogo della Safety Commission è stato deciso di modificare il tracciato: via la curva fatale, verrà usata la chicane della F1. Significa ammettere che la curva 12 non era sicura….

2 commenti

E’ ufficiale: da domattina la pista di Barcellona verrà modificata con l’adozione della chicane utilizzata dalla F1 che taglia via la maledetta curva 12 fatale a Luis Salom.

La decisione è stata presa dopo il sopralluogo che la Safety Commission ha effettuato nella zona dell’incidente. Le immagini del terribile schianto hanno evidenziato l’eccessiva vicinanza delle barriere in caso di incidente imprevedibile (guasto meccanico o errore del pilota) come nel caso del povero Luis. Tra l’altro la via di fuga è asfaltata, anzichè in sabbia, per cui moto e pilota non sono stati minimamente rallentati nella scivolata verso le barriere.

Gli orari delle prove sono già stati modificati per concedere più tempo per familiarizzare con il nuovo layout.

Ma c’è un problema, perchè la decisione che adesso viene spacciata quasi come un omaggio alla memoria di Luis, in realtà è un clamoroso autogol. Cambiare il circuito a prove in corso infatti significa ammettere che la curva 12 non era sicura, con tutte le conseguenze del caso.

E c’è anche da dire che in caso di guasto rovinoso nessun circuito potrà mai essere sicuro: immaginate cosa può succedere al Mugello se nel punto di staccata alla San Donato, a oltre 350 km/h, qualcosa va storto.

 

 

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. baggiofrancescon_429 - 8 mesi fa

    E’verissimo ,alTT ci Sono pericoli impossibili da togliere.E anche vero pero’ che dove basta della ghiaia ,e’doveroso metterla.Uncini dice che il problema e’stato che la moto e’ rimbalzata addosso a Salom,verissimo.Ma con la ghiaia la moto avrebbe rallentato sarebbe rimbalzata meno.Avrebbe rallentato anche il corpo di Salom magari fermandosi addirittura prima delle barriere.Tutti se,forse,magari,purtroppo.In verità’in questi giorni queste parole sono ultraricorrenti,ma comunque non cambia il fatto che su quella curva come in altre la ghiaia va messa.Uncini e’ troppo politico schiavo diDorna ,FIM,eio aggiungersi Honda,la quale mentre prima poteva fare quello che voleva,ore gli sta sullo stomaco il discorso centralina,e quindi si deve rifare in qualche altro modo.Questi però’ e’un discorso da approfondire in seguito.In parole povere,caro Uncini,e cari tuoi colleghi che dovrebbero vigilare sulla sicurezza,tenete presente che noi non siamo scemi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo Gozzi - 8 mesi fa

      Salve, aldilà dell’imponderabilità che ha giocato ovviamente un peso, resta il fatto che la posizione di Franco Unici è indifendibile. Non solo dal punto di vista tecnico, ma anche politico: è un uomo Dorna, pagato da Dorna, e per mascherare un pò le cose lo hanno insignito del ruolo di “rappresentante FIM per la sicurezza”. Non c’entra il valore della persona in se, è proprio ridicolo il concentto e il gigantesco conflitto d’interessi che ad ogni problema riesplode più virulento di prima. In realtà la FIM non ha alcun ruolo (se non di facciata, quando serve) e non c’è sport al mondo (eccetto il motociclismo) in cui la Federazione di riferimento abbia delegato TUTTO il potere ad un’organizzazione esterna. Che dovrebbe limitarsi a gestire i diritti TV e la promozione, non occuparsi di TUTTO come fa Dorna. Saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy