MotoGP, Thailandia: Marc Marquez “Dovizioso ha la pista sotto controllo”

MotoGP, Thailandia: Marc Marquez “Dovizioso ha la pista sotto controllo”

Marc Marquez conquista la 50esima pole in MotoGP al Buriram, ma in gara dovrà fare i conti con due ostacoli: il consumo delle gomme e Andrea Dovizioso.

di Luigi Ciamburro
Marc Marquez

Nelle FP3 regala l’ennesimo salvataggio al limite, cade nel giro più veloce, passa per la Q1 e conquista la 50esima pole position da quando è in MotoGP. Marc Marquez regala ancora una volta spettacolo e mette la firma nella storia del Chang International Circuit, siglando la prima pole assoluta della categoria regina. Ferma il cronometro su 1’30″088 e beffa Valentino Rossi per 11 millesimi, Andrea Dovizioso dista 128 millesimi e si prepara ad un altro duello faccia a faccia nella gara di domani.

Il Buriram si rivela tracciato favorevole alle big, ma vincerà chi saprà gestire meglio la hard al posteriore. Stranamente il suo miglior giro lo firma nella Q1 in 1’30″031, ma non riesce a migliorarsi in Q2. “Ho fallito in pole. In Q1 ho girato in maniera più tranquilla e quindi sono stato più veloce, in pole invece volevo forzare un po’ di più e ho superato il limite. Quando si supera il limite a volte sembra di andare più veloce, ma in realtà si è più lenti. Nell’ultimo settore ho sbandato e ho perso in accelerazione, ma sono contento perché sono ancora riuscito a fare la pole”. Si arriva alla gara con grande ottimismo, ma tra lui e la vittoria c’è il solito scoglio Dovizioso: “Dovremo considerare la gestione degli pneumatici e dell’energia, ma soprattutto la Ducati e Dovizioso che sono molto veloci: lui è costante, quando vuole il tempo lo fa… Dovi ha la pista sotto controllo e sappiamo che gli piace attaccare”.

Mai sottovalutare le Yamaha, che stavolta sembrano aver in parte risolto i problemi di accelerazione e grip, ma tutto ruoterà intorno alla gestione delle gomme: “Penso che tutti i piloti cominceranno con la gomma posteriore rigida. La gomma anteriore dipenderà dal pilota”, ha precisato Marc Marquez. Metà circuito sembra favorevole alla Desmosedici, l’altra metà alla Honda RC213V. “Gli ultimi 10 giri saranno cruciali, la gomma si degrada un po’ e da quel momento è difficile da gestire“. E ancora una volta sarà una sfida all’ultima curva con l’avversario di sempre: Andrea Dovizioso.

Scommetti con Johnnybet

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy