MotoGP, Test Valencia: Maverick Viñales in testa prima della pioggia

MotoGP, Test Valencia: Maverick Viñales in testa prima della pioggia

Maverick Viñales chiude la prima giornata di test al comando, seguito da Marc Marquez, Valentino Rossi ed Andrea Dovizioso.

di Diana Tamantini, @dianatamantini

La pioggia pone fine anzitempo alla prima giornata di test in ottica 2019 a Valencia, con Maverick Viñales autore del miglior crono di giornata in 1:31.416, a precede il campione del mondo Marc Marquez, a Valentino Rossi e ad Andrea Dovizioso. Difficile quindi fare prove di qualche tipo, ma mercoledì dalle 10.00 alle 17.00 ci sarà la seconda ed ultima giornata di test sul Circuito Ricardo Tormo. La gamma di gomme fornita ai piloti da Michelin per questi test sarà la stessa del Gran Premio, con l’aggiunta di una morbida e dura al posteriore, sempre dalla struttura asimmetrica ma con la spalla sinistra più dura composta di un materiale diverso, volto a migliorare grip e consistenza. In caso di pioggia poi Michelin ha fornito anche una soft in più al posteriore.

La giornata ha preso il via molto lentamente per via della pioggia notturna che ha lasciato la pista abbondantemente bagnata. Bisogna aspettare quasi le 12.00 per avere il primo a guadagnare la pista, nello specifico Johann Zarco, che ha iniziato così il processo di adattamento con Red Bull KTM Factory e la sua RC16, seguito poi da tutti gli altri. L’attività, iniziata tardi, si conclude presto sempre a causa della pioggia, che a meno di due ore dalla fine ricompare costringendo tutti a tornare ai box. Maverick Viñales, in pista col nuovo numero 12, è il più veloce in pista, ma è solo in parte soddisfatto e ammette che c’è tanto lavoro da fare in ottica 2019. La seconda piazza è di Marc Marquez, in azione principalmente con la RCV 2018, anche se nella seconda parte di giornata ha realizzato qualche giro anche in sella alla versione 2019. Valentino Rossi (prove comparative di motore per lui) chiude con il terzo miglior crono davanti alla rossa di Andrea Dovizioso (in pista solo con la moto di quest’anno) ed a Stefan Bradl, in pista solo nella giornata odierna al posto dell’infortunato Cal Crutchlow.

Buona giornata per Franco Morbidelli, alla prima presa di contatto con la M1 del neonato team Petronas Yamaha Sepang Racing Team e sesto in classifica, seguito dalla Aprilia di Aleix Espargaró, mentre Danilo Petrucci, ottavo, regala solo sorrisi dopo il primo giorno in sella alla Ducati del team ufficiale. Completano la top ten Pol Espargaró (KTM) ed il tester Ducati Michele Pirro, protagonista anche di una caduta senza conseguenze alla curva 6 poco prima del ritorno della pioggia, ma fa piacere rivedere in azione anche Tito Rabat, ancora in stampelle ma tornato al lavoro dopo l’importante infortunio. ‘Primo giorno di scuola’ anche per il campione Moto2 Francesco Bagnaia, 11° con la rossa del team Alma Pramac Racing, così come per il neo pilota Suzuki Joan Mir (15° a fine giornata, anche se bisogna sottolineare come lo spagnolo abbia già realizzato un test privato a Motegi), il secondo pilota Petronas Yamaha SRT Fabio Quartararo (23°) e Miguel Oliveira, anche lui all’esordio in MotoGP ma con la KTM del team Tech 3 (25°).

Una giornata non troppo semplice per Jorge Lorenzo, alla prima presa di contatto con la RC213V del Repsol Honda Team ed apparso piuttosto indietro (18°), anche se sembra comprensibile pensare che ‘Martillo’ non abbia voluto forzare troppo, vista anche la recente operazione al polso sinistro infortunato in Thailandia. Arretrato anche Andrea Iannone (19°), che ha completato la sua prima giornata in sella alla RS-GP: a prima vista per il pilota di Vasto sembrano tanti gli aspetti su cui lavorare in vista della prossima stagione, con la speranza di migliorare le prestazioni della Aprilia in pista. Prima giornata da tester della casa di Noale per Bradley Smith (21°), mentre Jonas Folger (22°) completa una prima sessione da collaudatore Yamaha.

La classifica

Cattura

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy