MotoGP Test Sepang: Day 2, i commenti dei piloti

MotoGP Test Sepang: Day 2, i commenti dei piloti

I piloti della MotoGP commentano l’andamento della seconda giornata di Test ufficiali al Sepang International Circuit

Commenta per primo!

Danilo Petrucci (Octo Pramac Yakhnich) 1°

Sono contento per questo risultato. Siamo stati veloci e abbiamo sfruttato al meglio la situazione visto ciò che è successo con Loris Baz. E’ un primo tempo che fa piacere anche se ovviamente non è del tutto rappresentativo. Finire la giornata al primo posto, però, da tanta soddisfazione anche al team che ha fatto un lavoro pazzesco. Nel pomeriggio invece non sono riuscito ad andare forte come speravo e questo rimane un obiettivo importante che cercheremo di ottenere domani. Miglioramenti? Si, rispetto a lunedì abbiamo fatto dei progressi. Cresce la confidenza con la moto e con le gomme. E anche l’elettronica sta migliorando. Ma rispetto ai primi siamo ancora lontano sul passo gara e domani cercheremo di avvicinarci“.

Jorge Lorenzo (Movistar Yamaha MotoGP) 2°

Dopo l’incidente di Baz non abbiamo più potuto usare le gomme morbide, quindi ho dovuto adattare il mio stile di guida. È stato un po’ difficile, ma siamo riusciti comunque ad avere un buon feeling, nonostante la caduta a causa delle alte temperature e della dura anteriore, che per me è la peggiore. Con le gomme dure sono riuscito a migliorare il mio tempo di mezzo secondo, è una cosa positiva. Manteniamo ancora un buon margine sugli altri e questo è molto incoraggiante“.

Hector Barbera (Avintia Racing) 3°

Una giornata davvero positiva e sono molto soddisfatto del terzo crono. Il miglioramento con gomma morbida è stato incredibile, addirittura di 1″7 rispetto a ieri. Sfortunatamente dopo l’incidente di Loris (Baz) abbiamo dovuto utilizzare la mescola più dura: il nostro set-up era stato approntato per sfruttare bene la morbida, così abbiamo trascorso tanto tempo ai box per cambiare l’impostazione di set-up. Sono tornato in pista nelle ultime due ore e, sebbene ho faticato a ritrovare il ritmo, il feeling era buono e mi sono trovato bene con la moto. Abbiamo concluso positivamente questa giorna e, sebbene sono consapevole che non è questa la nostra vera posizione, va detto che in MotoGP nessuno ti regala nulla e ritrovarci così avanti è incoraggiante“.

Hector Barbera

Marc Marquez (Repsol Honda Team) 4°

Abbiamo fatto un passo avanti oggi. Anche se abbiamo provato moltissime cose, non siamo riusciti a fare progressi importanti rispetto a ieri. Dovremo analizzare con attenzione tutto ciò che abbiamo testato oggi, per capire cosa funziona e cosa no. Domani continueremo a provare cose nuove, abbiamo tanto lavoro da fare. Oggi abbiamo usato lo stesso motore “evo” su entrambe le moto, in modo da avere le stesse referenze per il test sull’elettronica“.

Cal Crutchlow (LCR Honda) 5°

Oggi è stata una giornata complessa. Abbiamo riscontrato un problema con le gomme morbide che ha preso tutti alla sprovvista e da qui abbiamo deciso di lavorare esclusivamente con le gomme a mescola dura per tutto il giorno. Anche oggi ci siamo concentrati principalmente sull’elettronica ma anche sulla ciclistica cercando di tirare fuori qualcosa di buono per provare a spingere. Visto il ritmo direi che abbiamo lavorato bene e siamo più sereni rispetto a ieri. Dobbiamo sfruttare al meglio anche l’ultimo giorno di test domani per raccogliere più dati possibili in vista dell’inizio del campionato“.

Valentino Rossi (Movistar Yamaha MotoGP) 6°

Sono abbastanza soddisfatto, è stata una buona giornata. All’inizio è stato difficile perché c’era tanto lavoro da fare, ma posso dirmi soddisfatto soprattutto per quanto riguarda il set up della moto. Il mio miglior tempo è migliorato sensibilmente, per questo posso dire che è stata una buona giornata. Abbiamo molti nuovi dati che ci aiuteranno a capire come migliorare. Ho provato alcune gomme questo pomeriggio, alcune sono andate bene ed altre no, ma penso che Michelin abbia fatto un buon lavoro. Per quanto riguarda le due M1 a disposizione, al momento sono più concentrato su quella più simile alla M1 del 2015. Domani proveremo nuovamente entrambe le moto, ma penso che proveremo la seconda moto anche su un altro tracciato prima di decidere“.

Scott Redding (Octo Pramac Yakhnich) 7°

L’obiettivo era quello di migliorare il feeling con la moto. Non lavoriamo ancora per cercare il tempo anche se ovviamente la mattina ci proviamo. Con le gomme dure abbiamo lavorato molto per cercare la migliore posizione sulla moto in modo da incrementare la trazione. Abbiamo trovato più stabilità ma non abbastanza trazione. E’ normale in questa fase fare dei tentativi e domani ci riproveremo. Nel pomeriggio non sono andato male girando consecutivamente in 2:01.8 e 2:01.9 ma sinceramente spero domani di poter limare quel mezzo secondo che mi renderebbe competitivo anche sul passo gara“.

Andrea Iannone (Ducati Team) 8°

Oggi ci siamo concentrati sulle prove degli pneumatici, dal momento che la Michelin ci ha fornito delle mescole differenti per l’anteriore. Per il resto abbiamo cercato di fare i primi passi sull’assetto della Desmosedici GP 2016, anche se purtroppo non abbiamo avuto molto tempo a disposizione. In questa fase è importante continuare a comparare la nuova moto con quella dell’anno scorso, ma domani ci concentreremo di più sulla ricerca del setting ideale per la Desmosedici GP“.

Casey Stoner

Casey Stoner (Ducati Team) 9°

Oggi è stata un’altra giornata positiva. Girare insieme a tutti gli altri piloti, con la pista in buone condizioni, ti dà delle indicazioni migliori. Avevamo un programma di lavoro molto fitto, ma dopo l’incidente occorso a Baz siamo stati costretti a cambiare mescola di pneumatici e quindi siamo dovuti ripartire da capo, testando nuovamente tutto. Abbiamo provato tantissime cose, trovando aspetti positivi nell’elettronica, freno motore, frizione e in altri aspetti della moto, ma anche qualcosa ancora da migliorare e siamo riusciti a raccogliere una mole di dati notevole, che sarà molto utile nel lavoro di sviluppo“.

Bradley Smith (Monster Yamaha Tech 3) 10°

Una giornata di lavoro produttiva e sono soddisfatto di cosa siamo stati in grado di realizzare. Per tutta la giornata abbiamo girato con gomme dure: non era il nostro programma originale, ma abbiamo preso questa decisione ieri sera e, chiaramente, confermandola dopo l’incidente di Baz. Siamo scesi in pista con l’elettronica 2016 trovando una soluzione a diversi problemi riscontrati finora, cercando nel complesso una buona costanza di rendimento in condizioni di gran caldo e poco grip in pista. Sul giro singolo sono abbastanza competitivo, ma non altrettanto sulla costanza di rendimento. Vedremo domani se riusciremo a compiere una simulazione di gara per valutare il potenziale delle gomme ed elettronica con tanti giri consecutivi“.

Maverick Vinales (Team Suzuki Ecstar) 11°

Per quanto mi riguarda è stata una giornata positiva, abbiamo provato diverse cose a cominciare dall’elettronica ed il nuovo telaio. Abbiamo lavorato bene, ma non ho ancora abbastanza feeling al posteriore: scivola parecchio e dobbiamo cercare di capire quale sia effettivamente il problema. Su piste con molto grip siamo competitivi, ma quando arriviamo su tracciati come Sepang, Austin o Termas de Rio Hondo dove c’è molto meno trazione soffriamo particolarmente. Il nuovo motore mi piace, ha più potenza con un’erogazione dolce. Domani, non potendo girare con la morbida, proseguiremo a lavorare con le specifiche di mescola dura per ottenere la miglior messa a punto e tanti dati su cui poi lavorare nel prosieguo dei test“.

Maverick Vinales

Dani Pedrosa (Repsol Honda Team) 12°

È stata una giornata difficile. Dopo la caduta di Loris Baz di questa mattina ci hanno detto di non usare la mescola morbida. Ci siamo dovuti quindi adattare e usare solo la dura, ma con le temperature così alte, non avevamo grip. Abbiamo provato a migliorare sull’elettronica, ma era difficile riuscire a fare qualche passo avanti. Abbiamo testato una differente distribuzione dei pesi, ma alla fine non abbiamo trovate molte soluzioni. Vedremo se riusciremo a cambiare le cose ed a migliorare. Sfortunatamente sono caduto verso fine turno, probabilmente a causa della gomma fredda, visto che non stavo andando veloce“.

Yonny Hernandez (Aspar Team MotoGP) 13°

Questa mattina siamo riusciti a migliorare di 1″ il nostro tempo di ieri con gomme morbide, poi abbiamo riscontrato qualche problema a dei sensori che non ci hanno permesso di migliorarci ulteriormente. Ad ogni modo il feeling cresce sempre più, in particolare con l’elettronica abbiamo compiuto dei grandi progressi. Domani ci concentreremo più sulla ciclistica per trovare più trazione al posteriore“.

Andrea Dovizioso (Ducati Team) 14°

E’ stata una giornata un po’ strana per tanti motivi. Abbiamo avuto qualche piccolo inconveniente che ci ha rallentato molto, condizionandoci la giornata, e purtroppo non siamo riusciti a fare tutte le prove comparative che avevamo in programma. Questa mattina, studiando anche gli altri piloti, mi sono fatto un’idea più chiara della direzione da prendere nell’approccio alla pista con gli pneumatici Michelin. Siamo ancora un po’ lontani, e pertanto c’è ancora tanto margine per poter progredire“.

Pol Espargaro (Monster Yamaha Tech 3) 15°

Da questa giornata abbiamo ricavato alcuni aspetti positivi. Abbiamo continuato il lavoro con la nuova elettronica concretizzando significativi passi avanti, ma sfortunatamente sono caduto alla curva 5 e dobbiamo capire perchè. La telemetria non ha evidenziato particolari differenze sull’interpretazione della curva rispetto ai giri precedenti: sono entrato forse un po’ più forte, ma rispetto agli altri piloti Yamaha non sono più veloce. Cercheremo di individuare la causa di questa caduta, nel caso dovremmo modificare la messa a punto o cambiare la pressione del pneumatico anteriore. Peccato per questa e per la prima scivolata di questa mattina, due cadute spezzano il ritmo ed anzichè fare un passo avanti se ne fanno due indietro. Non è stato il migliore dei nostri giorni, ma sono fiducioso che domani si possa presentare una chance di tornare sui nostri livelli abituali“.

Aleix Espargaro (Team Suzuki Ecstar) 16°

Oggi è stata una giornata piuttosto complicata. Questa mattina ho riscontrato dei problemi al motore e, una volta salito in sella alla seconda moto, è successo l’incidente di Baz che non mi ha permesso di usare la gomma morbida. Ho trascorso tutta la giornata provando con la specifica di mescola dura, riscontrando nel pomeriggio qualche problema con l’elettronica. Di fatto sono riuscito a compiere soltanto pochi giri puliti, ma d’altronde i test sono anche questo. Dobbiamo restare concentrati e rispettare il nostro programma di lavoro per migliorarci: domani proveremo ancora il nuovo telaio e forcellone che ci hanno già dato dei riscontri incoraggianti“.

Tito Rabat

Tito Rabat (Estrella Galicia 0,0 Marc VDS) 17°

La giornata è iniziata bene, siamo subito riusciti a migliorare di parecchio il nostro tempo sul giro con gomme morbide. Sfortunatamente hanno ritirato la disponibilità di questa specifica, così abbiamo dovuto proseguire la giornata con gli pneumatici di mescola più dura. Il feeling non era altrettanto buono come ieri, nelle curve non avvertivo grip e la moto scivolava parecchio. Non ci resta pertanto che trovare una soluzione domani per migliorare il feeling, considerato che dovremo usare questo pneumatico così come tutti gli altri piloti“.

Stefan Bradl (Aprilia Racing Team Gresini) 18°

Per ora le cose vanno abbastanza bene. Arrivare qui a Sepang, con questo caldo, per il primo test non è fisicamente facile ma sono sempre felice di tornare a guidare dopo la pausa. Stiamo cercando di svolgere quante più prove possibile, su elettronica e gomme, per portare avanti il lavoro. Molte cose che proviamo qui saranno utilissime alla nuova moto, specialmente per quanto riguarda l’elettronica abbiamo ancora molto margine“.

Loris Baz (Avintia Racing) 19°

La giornata era iniziata abbastanza bene. Abbiamo montato la gomma morbida per verificare le nostre performance sul giro, senza tuttavia riscontrare un grande miglioramento rispetto a ieri. Ad un certo punto, in pieno rettilineo, a 290 km/h abbiamo avuto un problema alla gomma posteriore e sono volato a terra. Per fortuna non mi sono fatto nulla, ma dopo un simile incidente ti senti come se ti porti sulle spalle 20 ore di allenamento consecutive! I miei meccanici sono comunque stati in grado di rimandarmi in pista in tempi record: ero un po’ stanco, ma siamo comunque stati in grado di verificare alcune parti che mi sono piaciute particolarmente“.

Alvaro Bautista (Aprilia Racing Team Gresini) 21°

Anche oggi ci siamo concentrati sulla nuova elettronica che per noi rappresenta l’obiettivo principale. Dobbiamo trovare una buona base, sulla quale poi lavorare nei dettagli, e al momento non possiamo ancora dire di esserci riusciti. Abbiamo analizzato anche alcune nuove proposte di gomma anteriore, trovando qualche miglioramento in alcune fasi. Stiamo lavorando molto, la crescita non è semplice ma un passo alla volta continuiamo a procedere“.

Fonte Team Media Service

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy