MotoGP, test Qatar: Aprilia resta indietro, la gara sarà un’altra cosa?

MotoGP, test Qatar: Aprilia resta indietro, la gara sarà un’altra cosa?

Aleix Espargaro e Scott Redding chiudono i test invernali nelle retrovie ma confidano nei progressi sulla distanza

di Redazione Corsedimoto
Aprilia RS-GP MotoGP

Aprilia chiude i test invernali della MotoGP nella pancia del gruppo: Aleix Espargaro 14° tempo, Scott Redding 20° nella terza e ultima giornata. Il ritardo è sensibile, oltre un secondo, ma la squadra italiana assicura che i collaudi hanno dato risposte importanti riguardo  il passo gara, come dimostrato dai long-run effettuati da Aleix Espargaro’ e Scott Redding. Fra due settimane, dopo il primo GP 2018, capiremo. (Qui cronaca e tempi dell’ultima giornata di test)

Non vedo l’ora di tornare qui tra due settimane per iniziare a fare sul serio, i test sono importanti ma sono più felice quando si tratta di una gara” afferma Aleix Espargaro. Quest’anno le cose saranno ancora più interessanti, perchè tutti i team e tutti i piloti sono ad un livello altissimo. Io ho dato il meglio durante questo precampionato per migliorare la RS-GP 2018, peccato per un piccolo problema che mi ha impedito di terminare la simulazione di gara. La verità è che i test invernali spesso ingannano, ci sono molti piloti che riescono a fare qualche giro veloce ma in gara i valori cambieranno. Credo nel nostro potenziale, sono sicuro che lotteremo da subito per la top-8″.

Scott Redding ha commentato: “Abbiamo fatto un bel passo avanti, con alcune modifiche che mi hanno fatto subito guadagnare fiducia. Ho fatto un long-run anche oggi e sono stato veloce, mi sentivo bene in moto e ho fatto con gomma usata lo stesso tempo fatto ieri con gomma nuova. La RS-GP conferma di comportarsi molto bene con le gomme, cosa che per me negli anni passati è sempre stata un problema, mentre anche con gomma morbida e tanti giri riesco ad essere incisivo e questo mi da fiducia in vista della gara”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy