MotoGP Test Phillip Island: pioggia protagonista nel 1° giorno

MotoGP Test Phillip Island: pioggia protagonista nel 1° giorno

Scrosci di pioggia hanno compromesso la prima giornata di Test MotoGP in Australia, Danilo Petrucci il più veloce tentando l’azzardo delle slick, tanti giri sul bagnato per Valentino Rossi

Commenta per primo!

L’attesa nel rivedere in pista le MotoGP al Phillip Island Grand Prix Circuit è stata “bagnata” dalla pioggia. Così si può riassumere l’andamento di un’inaugurale giornata di prove della classe regina sul celebre tracciato australiano con le perturbazioni meteorologiche a spadroneggiare sin dal semaforo verde delle 10:00: scrosci a tratti, pista sostanzialmente sempre bagnata, non proprio il massimo per consentire ai piloti di macinare chilometri a poco più di un mese dall’esordio stagionale del 20 marzo prossimo a Losail. Con le ‘bizze’ del meteo a farla da padrone, il Day 1 di Test a Phillip Island ha detto poco, per non dire nulla: soltanto diversi “temerari” dalle 16:30 in poi (nello specifico Danilo Petrucci, Maverick Vinales, Bradley Smith e Scott Redding, con quest’ordine ai primi quattro posti della graduatoria) hanno tentato l’azzardo delle slick, salvo nella velocissima piega della “Lukey Heights” incontrare qualche goccia di pioggia e l’asfalto bagnato.

Il risultato è di proporre una classifica inedita con Danilo Petrucci, su Ducati Desmosedici GP15 di Octo Pramac Yakhnich, leader con un miglior crono di 1’31″764 a precedere Maverick Vinales (1’32″483 con una Suzuki GSX-RR dalle numerose novità tecniche in termini di ciclistica, motore e cambio seamless), Bradley Smith (1’32″590) e l’altro alfiere Ducati Pramac Scott Redding (1’32″864), a seguire Cal Crutchlow ed il neo-37enne Valentino Rossi, tra i più attivi in pista con le Michelin rain collaudate a lungo nel corso della giornata (VIDEO Valentino Rossi in pista con la pioggia in Australia).

Venti sono stati i giri compiuti sotto la pioggia (ripresentatasi intorno le 17:00) nel giorno del suo 23esimo compleanno da Marc Marquez, a lungo in cima al monitor dei tempi, speranzoso insieme a Dani Pedrosa (15 giri), Jorge Lorenzo (24 giri) ed i Ducatisti (soltanto un “assaggio” di pista per poi rientrare ai box da parte di Andrea Dovizioso, 9 tornate a referto per Iannone) in un miglioramento delle condizioni meteorologiche per domani, nonostante le previsioni in tal senso siano poco rassicuranti: pioggia anche giovedì con il sole atteso soltanto per la terza e conclusiva giornata di test in programma venerdì 19 febbraio dalle 10:00 alle 18:00 locali.

MotoGP™ World Championship 2016
Test Phillip Island
Classifica Finale 1° giorno

01- Danilo Petrucci – Octo Pramac Yakhnich – Ducati Desmosedici GP15 – 1’31.764 (12 giri)
02- Maverick Vinales – Team Suzuki Ecstar – Suzuki GSX-RR – + 0.719 (20 giri)
03- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.826 (27 giri)
04- Scott Redding – Octo Pramac Yakhnich – Ducati Desmosedici GP15 – + 1.100 (41 giri)
05- Cal Crutchlow – LCR Honda – Honda RC213V – + 1.184 (21 giri)
06- Valentino Rossi – Movistar Yamaha MotoGP – Yamaha YZR M1 – + 1.324 (27 giri)
07- Pol Espargaro – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.362 (20 giri)
08- Yonny Hernandez – Aspar MotoGP Team – Ducati Desmosedici GP14.2 – + 2.077 (6 giri)
09- Jack Miller – Marc VDS Racing Team – Honda RC213V – + 2.228 (6 giri)
10- Andrea Iannone – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP16 – + 2.285 (9 giri)
11- Tito Rabat – Estrella Galicia 0,0 Marc VDS – Honda RC213V – + 3.509 (29 giri)
12- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 3.590 (20 giri)
13- Aleix Espargaro – Team Suzuki Ecstar – Suzuki GSX-RR – + 3.820 (2 giri)
14- Eugene Laverty – Aspar MotoGP Team – Ducati Desmosedici GP14.2 – + 3.915 (10 giri)
15- Takuya Tsuda – Suzuki Test Team – Suzuki GSX-RR – + 4.402 (6 giri)
16- Jorge Lorenzo – Movistar Yamaha MotoGP – Yamaha YZR M1 – + 8.061 (24 giri)
17- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 8.374 (15 giri)

Foto @MotoGP

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy