MotoGP: Test KTM RC16 a Jerez, in pista Randy De Puniet

MotoGP: Test KTM RC16 a Jerez, in pista Randy De Puniet

Randy De Puniet è salito per la prima volta in sella alla KTM RC16 affiancando Mika Kallio ed Alex Hofmann nei collaudi della MotoGP di Mattighofen

Tra pioggia e sole, proseguono senza soste i Test della KTM RC16 MotoGP a Jerez de la Frontera. Se tra giovedì e venerdì Alex Hofmann e Mika Kallio hanno percorso qualche tornata su pista bagnata, il miglioramento delle condizioni meteorologiche registratosi nella giornata di sabato 20 febbraio ha permesso al Test Team KTM di macinare chilometri avvalendosi del terzo (di quattro) collaudatori ingaggiati dalla casa di Mattighofen per questo progetto: Randy De Puniet.

Reduce da una difficile stagione nel World Superbike con Crescent Suzuki, il pilota transalpino è stato ingaggiato dalla KTM per la sua esperienza di MotoGP. Dal 2006, stagione di debutto vissuta da pilota ufficiale Kawasaki, RDP ha avuto modo di sbizzarrirsi su più prototipi della top class a 990, 800 e 1000cc: Kawasaki ZX-RR (2006-2007), Honda RC212V (con il team LCR dal 2008 al 2010), Ducati Desmosedici (con Pramac Racing nel 2011), ART-Aprilia CRT (2012-2013 con i colori Aspar), diventando nel triennio 2013-2015 il collaudatore ufficiale Suzuki per il progetto GSX-RR.

Non riconfermato con la medesima carica per la stagione 2016, Randy De Puniet è stato prontamente messo sotto contratto da Red Bull KTM Factory Team per mettere a disposizione la sua esperienza al servizio dei collaudi della RC16, MotoGP caratterizzata da un telaio a traliccio (ormai un marchio di fabbrica della ‘Kappa’ dalla Moto3 alla MotoGP passando per l’inedita WP-KTM Moto2 svelata nelle scorse settimane) e da un propulsore 4 cilindri a V.

Tra i collaudatori KTM l’unico a non aver ancora provato la RC16 è il Campione del Mondo 125cc 2005 Thomas Luthi, attualmente impegnato con la KALEX del Derendinger Racing Interwetten in Moto2.

Foto @MotoGP

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy