MotoGP Telai e gomme: Vinales e Rossi, divisi su tutto

MotoGP Telai e gomme: Vinales e Rossi, divisi su tutto

MotoGP Telai e gomme: Vinales e Rossi, divisi su tutto I due piloti Yamaha continuano a pensarla in maniera diametralmente opposta…

Commenta per primo!

Dopo il disastro nel GP di Catalunya Rossi (ottavo) e Vinales (decimo) l’avevano vista all’opposto. “Abbiamo gravi problemi quando c’è poco grip, Montmelò è andata come a Jerez, le piste dove un anno fa avevo vinto ci sono diventate indigeste” il commento del Dottore. Vinales: “La Yamaha va benissimo, sono altre le cause (gomme, ndr).”

Dopo la prima giornata di test (qui cronaca e tempi), sullo stesso tracciato, i due piloti Yamaha hanno dato giudizi opposti sul primo dei due telai che Yamaha ha realizzato per tentare di risolvere i problemi emersi sulla YZR-M1 versione 2017 in questo primo scorcio di stagione. Rossi: “Se dovessi correre domani lo userei, la moto curva decisamente meglio ma il degrado resta e dietro continuiamo a soffrire a livello di aderenza. Giornata positiva, abbiamo imparato diverse cose.”

Vinales: “Il nuovo telaio? Non c’è alcuna differenza”.  Mentre in gara Valentino era riuscito a stare davanti a Maverick, in prova il nuovo arrivato è tornato davanti, e non di poco: 1’44″437 per Vinales, inferiore solo al tempone stampato all’ultimo istante da Marc Marquez, contro  1’45″635 che è stato il riferimento di Rossi.  A cui è stato chiesto anche perchè, secondo lui, le opinioni tecniche in casa Yamaha siano così distanti. “Lui (Vinales, ndr) con questa moto è sempre andato molto veloce, forse anche perchè non ha una gran storia con la Yamaha. Ma non ci sono grossi problemi con due moto diverse, ognuno decide la sua via.”

La sensazione è che per la Yamaha si prepari un’estate molto complicata, sotto tutti gli aspetti…

MotoGP Test Catalunya Svetta Marquez, cronaca e tempi

MotoGP Test Catalunya Aprilia migliora il Rider Torque Demand

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy