MotoGP, Sepang Test 3: Lorenzo “Contento, ma non dobbiamo smettere di lavorare”

MotoGP, Sepang Test 3: Lorenzo “Contento, ma non dobbiamo smettere di lavorare”

Jorge Lorenzo ed Andrea Dovizioso soddisfatti della nuova Desmosedici GP dopo i i primi test a Sepang, ma entrambi esprimono cautela, parlando di una situazione in continua evoluzione.

di Diana Tamantini, @dianatamantini

I primi test svolti a Sepang si chiudono positivamente per Ducati: sia Jorge Lorenzo che Andrea Dovizioso (entrambi scivolati nel corso della giornata, senza conseguenze) si sono mostrati costantemente competitivi sulla pista malese, con il maiorchino che ha poi cercato l’acuto nell’ultima giornata, cancellando il record (non ufficiale) stampato da Marc Marquez nel 2015. Il quarto tempo odierno di ‘Dovi’ dimostra un gran lavoro di squadra e, anche se sono solo test, c’è ottimismo in vista della prossima sessione di prove ufficiali, in programma sul tracciato thailandese del Buriram dal 16 al 18 febbraio.

“Il buon tempo sul giro è una conseguenza di molte cose ma soprattutto di una buona moto” ha dichiarato Lorenzo. “La cosa importante è che il prototipo va bene e che mi abbia dato buone sensazioni. È una Ducati migliorata in molti aspetti e che mi fa esprimere al meglio, ma abbiamo sicuramente del margine per crescere ancora. Non posso che essere soddisfatto: sono stato veloce, ho avuto sempre un buon passo e segnato il miglior tempo dei test. Sono molto contento e orgoglioso del lavoro che ha fatto il team quest’inverno, ma è tutto ancora in evoluzione e non dobbiamo smettere di lavorare”.

DUycaogU8AAeuj0

“Sono stati tre giorni di test interessanti” ha dichiarato Dovizioso, “e lasciamo Sepang con buone sensazioni. La caduta al mattino ha in parte complicato il programma odierno, ma alla fine siamo usciti ancora una volta con la Desmosedici GP 2017 per confrontare alcuni dati: abbiamo confermato evidenti miglioramenti con la nuova moto, soprattutto a centro curva. Sono sorpreso, non mi aspettavo una cosa del genere, ma ora dobbiamo confermare questa tendenza anche negli altri circuiti.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy