MotoGP Presentazione Movistar Yamaha, le parole di Rossi e Vinales

MotoGP Presentazione Movistar Yamaha, le parole di Rossi e Vinales

Le dichiarazioni di Valentino Rossi, Maverick Vinales e dei vertici Yamaha nel corso della presentazione ufficiale Movistar Yamaha di Madrid.

La sede di Telefonica, a Madrid, è stata lo scenario in cui il team Movistar Yamaha MotoGP ha deciso di presentarsi in vista della stagione 2017. Presentati da Izaskun Ruiz e Dylan Gray, davanti ad una folta platea ed in diretta streaming anche sul sito del team, la squadra dei tre diapason ha rivelato i programmi e gli obiettivi della nuova stagione, con Valentino Rossi ed il neo-arrivato Maverick Viñales che hanno poi rivelato la nuova M1 con cui correranno a partire dai primi test previsti a Sepang a fine mese.

La presentazione si apre con un video in cui si ricordano i successi ottenuti in questi quattro anni di partnership Movistar-Yamaha, seguito poi dalla comparsa dei due piloti sul palco. Si comincia con Valentino Rossi, veterano del team viste le dodici stagioni vissute con Yamaha, anche se “la presentazione ad inizio anno è sempre un momento emozionante, comincia una nuova stagione. Come sempre, l’obiettivo sarà quello di migliorarsi, imparando a gestire meglio tutte le situazioni“, ha poi proseguito il pilota di Tavullia. “In questa squadra ho sempre avuto dei compagni di squadra forti e devo dire che Maverick mi ha impressionato molto. Speravo fosse un po’ più lento all’inizio! [risata] In ogni caso, contiamo di fare un buon lavoro per arrivare sempre a podio, le prime impressioni a Valencia ed a Sepang sono state positive. Puntiamo a realizzare delle belle gare, ci sarà poi tempo per parlare della lotta iridata“.

La parola poi a Maverick Viñales, alla sua prima stagione con la casa dei tre diapason: “Incredibile far parte di questo team, mi sento molto motivato e sono pronto a lavorare duramente per ottenere i migliori risultati. Sono stato il primo a sorprendermi dei tempi nei primi test: la moto è bella, ma devo imparare a guidare come so fare. Il passaggio da Moto2 a MotoGP è stato difficile ed abbiamo dovuto lavorare tanto, l’anno scorso siamo migliorati e quest’anno conto di fare ancora meglio. Sappiamo di doverci impegnare molto per esprimere al meglio il potenziale della moto, ma con un occhio già al Qatar. Si avvicinano i test a Sepang, dove potrò girare molto in sella alla moto e lavorare sul set up in vista della nuova stagione“.

I piloti lasciano poi spazio a Kouichi Tsuji (General Manager per lo sviluppo nel settore sportivo), Lin Jarvis (Direttore amministrativo) e Massimo Meregalli (Team Manager), chiamati ad esporre gli obiettivi di Yamaha nel corso del 2017. Prende la parola per primo Kouichi Tsuji: “La nostra moto ha come punti forti la frenata, l’uscita di curva e l’agilità. Nel corso degli anni abbiamo dovuto cambiare qualcosa per adattarci alle nuove regole, ma già a Valencia abbiamo lavorato su queste caratteristiche. Per quanto riguarda poi la livrea, la moto è molto simile a quella dell’anno scorso, eccezion fatta per le alette, ma sappiamo che nei test probabilmente cambierà qualcosa“.

Si passa poi a Lin Jarvis: “Per noi è importante mantenere la partnership con Movistar, abbiamo ottenuto risultati eccezionali assieme, ma abbiamo anche un team fantastico. Gli obiettivi di quest’anno sono sempre gli stessi: lavoriamo per riprenderci il titolo piloti e della squadra. Per quanto riguarda il team, l’unico cambio è stato quello del pilota: ora Maverick dovrà conoscere ambientarsi, gli abbiamo fatto una livrea speciale per Valencia, ma sembra si trovi già a suo agio. Per noi è importante avere un giovane pilota di talento con noi“.

La parola poi a Massimo Meregalli: “L’approccio rimarrà lo stesso, vale a dire lavorare per lottare per il titolo. Siamo ottimisti, a Sepanng entrambi i piloti hanno avuto un buon feeling con la M1 e non vediamo l’ora di tornare su quella pista. Sappiamo che Maverick è un pilota molto rapido, ma non ci aspettavamo di leggere quei tempi già a Valencia. Abbiamo cercato di farlo sentire subito a suo agio, gli servirà tempo ma si trova già bene in sella“.

Sale sul palco poi anche Luis Miguel Gilpérez, presidente di Telefonica, principale sponsor del team Movistar Yamaha MotoGP: “Questa partnership per noi è fondamentale. Yamaha rispecchia appieno i nostri principi, vale a dire disciplina e voglia di vincere: per questo abbiamo deciso di puntare ancora su quello che per noi è la miglior squadra in MotoGP. L’obiettivo è, come sempre, quello di essere i migliori nel settore: puntiamo su una grande squadra ed abbiamo i piloti migliori“.

Per finire, tornano sul palco Valentino Rossi e Maverick Viñales, questa volta in tuta, pronti per mostrare a tutti la nuova M1, del classico colore azzurro, ma più scuro rispetto alle precedenti, e con lo sponsor Movistar che occupa buona parte delle carene delle due moto. Dopo le foto di rito, le ultime battute: se Viñales non si esprime per quanto riguarda la lotta iridata, Rossi è più diretto e ritiene che il nuovo compagno di squadra sia in grado di giocarsi la corona mondiale fin da subito.

Video La livrea di Movistar Yamaha

La presentazione Movistar Yamaha

Fotogallery Movistar Yamaha

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy