MotoGP: Parla il manager, “Joan Mir al 90% sarà in top class nel 2019”

MotoGP: Parla il manager, “Joan Mir al 90% sarà in top class nel 2019”

Il manager del pilota spagnolo iridato Moto3 in carica: “E’ il primo della lista per Ducati, Suzuki e Honda”

di andrè cazeneuve/paddock-gp.com
DOHA, QATAR - MARCH 16: Joan Mir of Spain and EG 0,0 Marc VDS walks in pit during the MotoGP of Qatar - Free Practice at Losail Circuit on March 16, 2018 in Doha, Qatar. (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)
(Read this story in English) – Le cose stanno andando veloci in MotoGP, e non solo sulla pista. Dietro le quinte tutti cercano di cogliere l’attimo, in un  mercato in piena fibrillazione con vista 2021.  I piloti stanno cercando le migliori opzioni e i costruttori stanno puntando sulla nuova generazione. La Ducati ha pensato ad esempio a Pecco Bagnaia, ma ce n’è un altro  nome della Moto2 che interessa a tanti: Joan Mir. Ha già 20 anni ma in Francia ha centrato il primo podio nella categoria di mezzo dopo appena cinque tentativi.PEZZO PREGIATO – Joan Mir è anche l’attuale campione del mondo Moto3. Una corona acquisita con una Honda. Di conseguenza, l’HRC lo ha già opzionato e nelle intenzioni sarebbe  il successore designato di Dani Pedrosa. Ma solo a partire dal 2020.  Caso chiuso? Non proprio, perché anche la Suzuki sta puntando forte sullo spagnolo.  Davide Brivio ha detto senza mezzi termini di essere a caccia di un  pilota giovane da affiancare ad Alex Rins già confermato per altri due anni.

MANAGER – Le mire della Suzuki devono essere tenute in considerazione, anche se di fronte c’è il gigante HRC. Il manager di Mir è un certo Paco Sanchez che si occupa anche della gestione di  Maverick Viñales. E sappiamo tutti da dove è passato prima di approdare in Yamaha … Mir non parla del suo futuro affidandosi direttamente alle parole del suo manager. Quest’ultimo risponde: “Tutto quello che posso dire è che Honda, Suzuki e Ducati sono interessati a lui. Vuole una buona MotoGP, in una buona squadra. Ci sono ancora diversi piloti  ancora senza un contratto come Pedrosa, Iannone o Lorenzo. E non ci sono molti posti rimasti. Joan è in cima alla lista di questi tre costruttori. Speriamo di raggiungere rapidamente un accordo. Al momento le sue possibilità di essere in MotoGP il prossimo anno sono del 90%.”
 
OPPORTUNITA’ – Mir dunque sarebbe anche nel radar Ducati. Attualmente Joan Mir è bloccato da un contratto pluriennale con il team Marc VDS, ma in caso l’accordo con un team ufficiale ci potrebbe essere una clausola di svincolo automatico.  Per Mir è un prendere o lasciare, perchè indugiando potrebbe essere costretto a rimandare al 2021 il suo approdo in MotoGP. Tra l’altro nel 2019 la Moto2 adotterà i motori Triumph, ed è un salto nell’ignoto. Il manager insiste: “Joan non ha 16 anni, ma già 20 e si allena da tempo con moto di 1000 cc. Penso che sia già pronto al salto”. Difficile dargli torto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy