MotoGP Mugello, Valentino Rossi sul podio: “Adesso serve aiuto dal Giappone”

MotoGP Mugello, Valentino Rossi sul podio: “Adesso serve aiuto dal Giappone”

Valentino Rossi strappa con i denti il podio nel GP del Mugello, ma continua a lanciare segnali d’allarme alla Yamaha: “I nostri amici giapponesi devono aiutarci”.

di Luigi Ciamburro
Valentino Rossi al Mugello

La conquista della pole position aveva lasciato immaginare un podio quasi sicuro al Mugello, anche se la lotta al vertice si preannunciava molto ostica. E Valentino Rossi non ha deluso le aspettative del popolo giallo accorso come un fiume in piena al richiamo dell’autodromo toscano. Ha dovuto fare i conti con i limiti della sua Yamaha, ha messo anima e cuore e va a prendersi una seconda posizione in classifica piloti a -23 dalla vetta, approfittando della caduta di Marc Marquez.

Il terzo posto è stato strappato con i denti, merito anche della magia del GP d’Italia e degli sforzi continui compiuti dal Dottore e dai suoi uomini. “Il feeling sul podio qua è davvero speciale, vale la pena correre tutto l’anno per essere sul podio del Mugello. E’ stata una delle gare più difficili che io ricorda ultimamente, abbiamo dovuto correre con la gomma hard davanti, la moto si voleva chiudere ogni volta che toccavo il gas, è stata cruciale la pole di ieri. C’è stato un momento della gara in cui ho sofferto tanto, però alla fine avevo una piccola speranza perchè il gruppo che era con me aveva le soft, allora pensavo che alla fine andassero un po’ giù e potevo combattere per il podio. Però per battere Iannone egli ultimi giri ho dovuto pensare a tutti gli sforzi fatti questa settimana per salire sul podio e mi son detto ‘adesso non mi faccio fregare’“.

Non è un podio che scaccia via i problemi tecnici della M1, ma deve essere un sollecito verso la fabbrica di Iwata affinchè si sbrighino a trovare le soluzioni di elettronica richieste da troppi mesi. “Abbiamo fatto uno step come guidabilità della moto, siamo veloci come a Barcellona, ma siamo veloci quando c’è molto grip. Per noi la gara è un problema, il podio era il massimo perchè soffriamo troppo. Sappiamo dove sono i problemi e i nostri amici giapponesi ci devono aiutare – ha sottolineato Valentino Rossi a Sky Sport -. Honda e Ducati hanno fatto un grande step nel passo di gara, ci vorrebbero gare di 4 o 5 giri. Non pensavo di essere secondo in campionato dopo il Mugello, pensavo di fare più fatica. Però questi problemi non sono facili da migliorare durante la stagione, ci vuole un grande sforzo da parte di tutti. Se riusciremo ad essere competitivi dopo la pausa potremo tornare a lottare per la vittoria“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy