MotoGP: Maverick Vinales “L’obiettivo 2016? Lottare per le prime posizioni”

MotoGP: Maverick Vinales “L’obiettivo 2016? Lottare per le prime posizioni”

Alla sua seconda stagione in MotoGP il “Rookie of the Year” del Mondiale 2016 non nasconde i propositi ambiziosi: vuole lottare per il podio ad ogni gara

Vogliamo ritrovarci costantemente nelle prime posizioni quest’anno“. Non usa tanti giri di parole Maverick Viñales per descrivere i suoi obiettivi. Sia lui, alla sua seconda stagione in MotoGP, che la Suzuki si aspettano dei progressi rispetto al 2015, anche grazie al nuovo regolamento che potrebbe giovare non poco alla casa di Hamamatsu per avvicinarsi primi della classe. Tra il Motomondiale e i suoi allenamenti, Viñales ha parlato di sé e di quello che si aspetta in un’intervista autoprodotta pubblicata sulla sua pagina Facebook.

Mi sono allenato molto, sia in palestra che in Motocross, uno sport che faccio come hobby, ma che è mi molto utile“, ha esordito il Campione del Mondo Moto3 2013 e miglior debuttante nella categoria regina durante la scorsa stagione. Ma perché lui, come altri colleghi, predilige il Motocross? “È uno sport che mi piace molto, è duro ma ti prepara mentalmente“, spiega ‘Mack’, legato alla specialità anche da ragioni affettive (la sua fidanzata, Kiara Fontanesi, non ha bisogno di presentazioni). “Da un giro all’altro la pista cambia, quindi bisogna rimanere concentrati e questo mi torna utile in MotoGP. Il modo di pensare e di agire in sella è molto simile” sottolinea poi facendo un confronto tra i due sport.

Ma lo spagnolo si è allenato anche sul ghiaccio: “È il secondo anno che lo faccio, sembra difficile perché si scivola molto ma si utilizzano gomme speciali con molto grip, quindi oltre ad essere uno sport difficile è anche molto divertente“. Recentemente poi Viñales ha fatto visita anche al Ranch di Valentino Rossi, a Tavullia: “L’ambiente è allegro, Valentino ha un circuito enorme e molto bello. È strano forse per quanto riguarda il funzionamento della moto e la pista, molto diverso rispetto a dirt track o motocross, ma ci si diverte molto“.

Come anticipato all’inizio, i suoi obiettivi per la prossima stagione sono più ambiziosi. “Vorremmo essere tra i primi tre in ogni gara: sarà difficile ma siamo molto motivati“. Il cambio di regolamento potrà essergli favorevole in questo senso? “Credo che saranno cambi favorevoli, ma è quello che possiamo dire al momento no? Chiaro che quando si comincia con l’elettronica nuova ognuno la evolve alla sua maniera. Cominciamo tutti dalla stessa base, e poi è positivo anche il fatto di cominciare con Michelin. Proveremo la vera elettronica in Malesia“.

Si tratterà della seconda stagione in MotoGP per Suzuki, chiamata quindi ad un passo in avanti in termini di prestazioni. “Dalla moto mi aspetto più potenza. Certo, ha appena un anno di evoluzione, quindi ci sarà molto da lavorare. Quest’anno sarà totalmente diverso perché cambiano l’elettronica e le gomme: su queste ultime ho già lavorato quindi posso concentrarmi sul primo aspetto in vista delle gare“. Come sarà questo Mondiale 2016? “Sarà sempre lo stesso: chi riesce ad evolvere meglio la moto sarà davanti. Dovremo dare il massimo ogni giorno per essere sempre vicini alle prime posizioni, ma credo che con queste regole le prestazioni saranno più livellate“.

El lunes empezamos, ¡con más ganas que nunca!Team Suzuki Ecstar MotoGP

Pubblicato da Maverick Viñales su Giovedì 28 gennaio 2016

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy