MotoGP, Marc Marquez: “Per battere Ducati lavoriamo su tutte le aree”

MotoGP, Marc Marquez: “Per battere Ducati lavoriamo su tutte le aree”

Marc Marquez ha in pugno il titolo iridato 2018, ma Honda è al lavoro su tutte le aree, motore compreso, per rilanciare la sfida alla Ducati

di Luigi Ciamburro
ALCANIZ, SPAIN - SEPTEMBER 23: Marc Marquez of Spain and Repsol Honda Team prepares to start on the grid during the MotoGP race during the MotoGP of Aragon - Race at Motorland Aragon Circuit on September 23, 2018 in Alcaniz, Spain. (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

A cinque gare dalla fine del Mondiale Marc Marquez tiene in pugno la testa della classifica piloti con un sostanzioso vantaggio di 72 punti su Andrea Dovizioso e 116 su Jorge Lorenzo. Un gap quasi impossibile da colmare, ma che non riflette i veri equilibri di potere in pista, perchè a pesare sul distacco del Dovi concorrono le tre gare, o meglio i tre zero punti, di Jerez, Le Mans e Catalunya. Diversamente assisteremmo ad un testa a testa che come nella scorsa stagione si protrarrebbe fino a Valencia.

A Marc Marquez il merito di aver commesso pochissimi errori, di essere sempre in testa e fuori dalla pericolosa mischia delle retrovie, di riuscire a trovare il limite anche quando potrebbe giocare di contenimento come ad Aragon. Se il Cabroncito non ha mai abbassato la guardia il merito è anche degli avversari Ducati: “Già durante il pre-stagione mi aspettavo che la Ducati fosse più veloce dello scorso anno“, ha ammesso il leader della Honda a Motogp.com. “Dovi ha commesso alcuni errori e Lorenzo ha perso anche alcuni punti, il che li fa sembrare molto più lontani in campionato rispetto allo scorso anno. Ma sono più veloci [rispetto al 2017]”.

Nei test invernali Lorenzo ha subito stupito con quel giro record a Sepang, Andrea Dovizioso ha aperto le danze con la vittoria nella prima gara in Qatar, prima che gli incidenti di percorso permettessero a Marc Marquez di involarsi a gonfie vele. Eppure in casa HRC sanno che non sarà possibile adagiarsi sugli allori e servirà tenere alta la guardia, perchè i tecnici di Borgo Panigale lavorano a pieno ritmo, anche in vista del prossimo anno. “Honda sta lavorando per migliorare tutte le aree della moto“, ha aggiunto il pilota di Cervera. “Durante la stagione lavoriamo sul telaio e cambiamo alcune cose in inverno, è quindi importante focalizzare un po’ di più l’attenzione sul motore“. A fare la differenza potrebbe essere già il lavoro svolto da qui a novembre, quando sarà fondamentale concludere il primo test collettivo con una buona base di partenza sul prototipo 2019.

Scommetti con Johnnybet

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy