MotoGP: Le scelte Michelin per il rinnovato asfalto di Silverstone

MotoGP: Le scelte Michelin per il rinnovato asfalto di Silverstone

La pista di Silverstone presenta una nuova superficie: quattro le mescole portate da Michelin per l’occasione, alcune dalla struttura asimmetrica. Ecco tutte le scelte.

di Diana Tamantini, @dianatamantini

Una nuova impegnativa sfida attende la MotoGP, che affronterà il 12° round stagionale sullo storico tracciato di Silverstone. Un impegno importante anche per Michelin: la pista britannica è infatti la più lunga presente in calendario, ben 5900 metri, ma il cambiamento più significativo è la superficie completamente riasfaltata.

La compagnia francese non potrà quindi affrontare il fine settimana a Silverstone come gli appuntamenti precedenti: le tre mescole classiche slick infatti in questa occasione saranno quattro, sia per l’anteriore che per il posteriore, vale a dire morbida, media e due versioni della dura. Di queste quattro tipologie, la gomma soft anteriore e tutte le mescole posteriori presenteranno una struttura asimmetrica per affrontare al meglio le 10 curve a destra presenti, mentre tutte le altre saranno simmetriche. Siamo poi sul suolo britannico, quindi non è inusuale la comparsa della pioggia: due le gomme rain a disposizione dei piloti, vale a dire soft e medium, con una struttura asimmetrica solo per le mescole posteriori.

Giovedì, prima di entrare nel vivo del Gran Premio di Gran Bretagna, avrà luogo l’ormai tradizionale ‘Day of Champions’, parte del progetto ‘Two Wheels For Life’ che si occupa di raccogliere fondi attraverso iniziative a cui assistono anche i piloti. Michelin non mancherà, visto che donerà una replica di una gomma da gara firmata da tutti i protagonisti del Motomondiale, messa all’asta poi sul palco davanti al pubblico presente.

“Per noi si tratta di un’altra importante sfida” ha dichiarato Piero Taramasso, Michelin Motorsport Two-Wheel Manager, “visto che affrontiamo il più lungo tracciato presente in calendario, completamente riasfaltato e che non abbiamo avuto possibilità di testare. Chi se n’è occupato ci ha fornito molte informazioni a proposito della nuova superficie, noi abbiamo i nostri dati e siamo sicuri di aver prodotto le mescole adatte per affrontare al meglio questa pista. Le gomme sono state decise all’inizio dell’anno, ma noi siamo comunque stati in grado di optare per le quattro mescole anteriori e posteriori per questa occasione: in questo modo i piloti potranno provare differenti opzioni prima di scegliere quella che ritengono la più adatta.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy