MotoGP, Le Mans: Zarco “Correre in casa una motivazione extra”

MotoGP, Le Mans: Zarco “Correre in casa una motivazione extra”

Marc Marquez, Johann Zarco, Andrea Iannone, Valentino Rossi, Danilo Petrucci e Aleix Espargaró i protagonisti della conferenza stampa del giovedì.

di Diana Tamantini, @dianatamantini

Siamo ormai alla vigilia delle prime prove libere del Gran Premio di Francia, seconda tappa europea della stagione aperta dalla conferenza stampa inaugurale del giovedì. Hanno preso parte all’evento il leader iridato Marc Marquez, l’idolo di casa Johann Zarco, Andrea Iannone, Valentino Rossi e Danilo Petrucci, ai quali si è unito all’ultimo Aleix Espargaro, fresco di rinnovo biennale con Aprilia Racing.

Il giro di domande comincia con Marc Marquez, ora in testa alla classifica piloti dopo il successo di Jerez: “La prima parte di stagione è stata molto positiva per noi, ma come sempre stiamo cercando di migliorare ancora. Abbiamo svolto degli ottimi test sia a Jerez che al Mugello, soprattutto sulla pista italiana perché abbiamo migliorato qualche dettaglio. A Le Mans negli ultimi anni ho avuto qualche problema di troppo, soprattutto in accelerazione, ma nonostante tutto mi piace. Sappiamo che su questa pista Yamaha è molto veloce ed in particolare Johann ha una grande motivazione, speriamo di poter lottare per la vittoria.”

Si passa poi a Johann Zarco, il più atteso dai fan essendo la sua tappa di casa: “Per me c’è una motivazione extra, ma è una bella sensazione, anche perché arrivo qui occupando la seconda posizione in campionato. La moto è simile a quella dell’anno scorso quindi dovremmo andare bene, ed i test mi sono serviti molto per avere maggiore confidenza con la M1 e quindi arrivare a Le Mans con maggiore fiducia. La posizione in classifica generale è decisamente migliore di quanto mi aspettassi e vorrei arrivare a lottare per il titolo un giorno. Non so se sarà possibile già quest’anno, per me sarebbe una grande sorpresa. Ma non devo pensarci troppo, devo considerare una gara per volta, anche l’obiettivo di domenica è arrivare a combattere per la vittoria.”

La parola va poi ad Andrea Iannone, reduce dal secondo podio consecutivo in questa stagione dopo un lungo digiuno e determinato a continuare la scia positiva: “Quest’anno abbiamo cominciato il campionato nel migliore dei modi. L’anno scorso abbiamo avuto tante difficoltà, anche su questa pista, ma ora la situazione è cambiata, la moto funziona molto meglio e penso sia possibile mantenersi vicino ai top riders.” Per quanto riguarda il suo futuro, “Sono fiducioso per la prossima stagione, tra qualche giorno conoscerete il mio futuro.”

Tocca poi a Valentino Rossi, chiaramente poco soddisfatto di quanto raccolto in queste prime gare: “Stiamo vivendo un momento difficile, io non riesco ad essere così veloce. I test a Jerez non sono stati niente di eccezionale soprattutto perché non avevamo molto da provare, quindi non abbiamo trovato soluzioni. Stesso discorso per il Mugello, dove abbiamo cercato di trovare un buon set up per il Gran Premio d’Italia. Il livello quindi non sarà molto diverso rispetto a quanto fatto finora, ma dobbiamo capire a che punto siamo rispetto ai nostri rivali. Su questa pista non ho vinto molto, ma ho realizzato delle belle gare ed il layout storicamente si adatta bene alla M1.”

Si passa poi a Danilo Petrucci: “Il fine settimana a Jerez è stato positivo, anche se ero un po’ deluso per aver perso il podio all’ultimo. In ogni caso sono stato anche fortunato a finire in quella posizione, ho beneficiato dell’incidente tra Dovizioso, Lorenzo e Pedrosa, ma ci serve qualcosa di più per avvicinarci ai primi. Sinceramente non so cosa aspettarmi a Le Mans, considerando che l’anno scorso sono partito dal fondo e ho dovuto recuperare. La pista però mi piace e spero di fare bene, in modo da arrivare al Mugello con meno pressione sulle spalle.” Si parla tanto del futuro, Petrucci cosa ne pensa? “Ci sono tante chiacchiere. Per quanto mi riguarda però io posso solo pensare a dare il massimo gara dopo gara e vedere se questo basta.”

Chiude il giro di domande Aleix Espargaró, come accennato fresco di rinnovo per altri due anni con la sua attuale squadra: “Fin dall’inizio della stagione avevo detto che volevo rimanere con Aprilia e questo accordo mi dà maggiore stabilità e tranquillità, perché così posso concentrarmi di più sui miei obiettivi. Non siamo stati particolarmente fortunati finora, ma dobbiamo solo lavorare e cercare di migliorare. La moto è cresciuta molto, ma c’è ancora parecchio da fare in vari aspetti, così come dobbiamo imparare dagli errori compiuti e cercare così di progredire.”

Come sempre, alla fine delle dichiarazioni di rito, c’è spazio per le domande dei fan. Si comincia con Marc Marquez, chiamato a dire qual è la chiacchiera più ridicola sul suo conto. “Che sono gay” è la risposta. “Certo, ho il massimo rispetto per loro, ma io decisamente non lo sono.” Essendo italiano, Valentino Rossi non vedrà la sua Nazionale ai Mondiali di calcio: tiferà per qualche altra squadra? “No. Sono molto dispiaciuto di questo fatto, perché ormai era un rito vedere le partite con gli amici, anche se non penso avremmo avuto le capacità per vincere. Non essendoci l’Italia, chi vince non fa differenza.” Qual è secondo Johann Zarco la curva più difficile a Le Mans? “La prima, perché finisce con una curva secca e bisogna frenare violentemente. Se non si sta attenti è facile cadere.”

La gara preferita di Andrea Iannone nel 2017? “Quella in Giappone” conclude dopo averci riflettuto [chiuse in quarta posizione, il miglior piazzamento stagionale, n.d.r.]. Per Danilo Petrucci qual è l’aspetto migliore di essere un motociclista, oltre alle gare? “Mah, quando ci si allena in moto è sempre divertente” dichiara dopo averci pensato un po’, prima di aggiungere “Le ragazze che guardano i piloti”, sotto lo sguardo divertito dei colleghi presenti. Aleix Espargaró invece sta per diventare papà, come si sta preparando all’arrivo dei suoi gemelli? “Sono particolarmente nervoso al pensiero, ormai faccio fatica anche a dormire la notte!” è la risposta del pilota spagnolo. “Io e mia moglie stiamo assieme da 12 anni e questo era un momento che aspettavo da sempre. Non so come reagirò, ma non vedo l’ora!”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy