MotoGP: Johann Zarco a ruota libera “Il futuro? Ci pensa Laurent”

MotoGP: Johann Zarco a ruota libera “Il futuro? Ci pensa Laurent”

L’emergente francese alla vigilia dei test parla di tutto: il Mondiale, il futuro e il ritiro di Jonas Folger. “Sono contento perchè non l’abbiamo perso come uomo”

di Marc Sériau/paddock-gp.com

Oltre alla comunicazione a volte leggermente omologata  dei comunicati stampa tradizionali, gli scambi tra Johann Zarco e i giornalisti nell’area ospitalità del team Monster Yamaha Tech3 sono di una ricchezza e una semplicità che i veri appassionati apprezzeranno. C’è sempre il piccolo dettaglio che ci fa immergere sempre più nel mondo del MotoGP…Riportiamo le parole di Johann Zarco, in modo crudo, quindi senza alcuna  distorsione giornalistica.

 Come è stata la tua pausa invernale?

“Ho avuto un buon inverno. Ho deciso di fare il Superprestigio per un allenamento extra, quindi non ho avuto una pausa molto lunga, il che è una buona cosa. Non è mai facile correre in una categoria completamente diversa. Tecnicamente, è un buon allenamento, ed è un bene per la tua mente perché ti senti un buon pilota, ma ci sono molti piloti che ti combattono. Ti innervosisci e il lavoro è di mantenere la calma qualunque sia la situazione. Quindi è stata una buona cosa, poi ho avuto una vacanza per Natale e fine anno. All’inizio di gennaio, sono tornato su un Supermotard e ho fatto solo Supermoto fino ad ora. È stato anche il tipo di allenamento che ho praticato tutto l’anno scorso con il mio allenatore per vedere se avevo un buon equilibrio, se fossi veloce e consistente nei miei tempi. Utilizziamo pneumatici Michelin slick e funzionano molto bene. Un Supermotard su una pista di go-kart è come un MotoGP perché con una 450cc su una pista di un chilometro, hai molta accelerazione. Così mi sono allenato in quel modo fin dall’inizio di gennaio per sentirmi pronto qui in Malesia. Ho anche fatto un allenamento fisico, ma fa parte del normale lavoro. E come ho fatto l’anno scorso, ho cercato di stare lontano da tutti i commenti sulla moto che userò quest’anno e sulle decisioni che ho preso da novembre. La sensazione che avevo sulla moto era molto buona, e l’obiettivo del mio allenamento all’inizio di questo mese era trovare il buon feeling che avevo avuto lo scorso novembre e tornare in sella e  poi giudicare. Come andrà lo vedremo domenica e per i prossimi tre giorni, ma sì, sono ancora libero di fare il miglior lavoro possibile. “

Il ritiro di Jonas Folger è stato uno shock per la squadra, ma forse anche per te. Ti ha disturbato in qualche modo?

No. Disturbato, no. E ‘un peccato perché era il mio compagno di squadra, e come ho detto, eravamo compagni di squadra. Abbiamo cominciato insiene nel Mondiale, e anche un po’ prima.. Poi, quando sono stato campione nel 2015 (in Moto2, ndr) era sul podio con me, e di nuovo nel 2016. È un compagno di squadra veloce e speravamo tutti che sarebbe tornato. È davvero strano che non possa. Se vogliamo ancora prendere il lato positivo, dovremmo essere felici perché non l’abbiamo perso: l’abbiamo perso come compagno di squadra, ma non come uomo, che è la cosa più importante. Spero davvero che questo tipo di malattia non diventi più seria. “

Ti senti più forte dopo la scorsa stagione?

“No, no, no. Non sento alcuna pressione e sono felice che le persone mi stiano aspettando là davanti. Ovviamente, dopo aver concluso le ultime gare, il desiderio di quest’anno è di iniziare  con lo stesso ritmo del finale 2017. Significa essere in grado di lottare per la vittoria fin dall’inizio, e può essere semplicemente fantastico per l’intero campionato. “

Valentino ha detto che quest’anno sei nella lista dei piloti che non solo possono vincere le gare, ma anche il campionato del mondo. Anche se dovessi guidare una moto 2017. Cosa ne pensi?

“Ah, ah, ah. Sarebbe fantastico perché significa che la moto del 2017 funziona bene. Ma penso che il modo in cui hanno lavorato l’anno scorso su questa moto è stato quello di essere veloci nel finale di gara, e rispetto a come ho usato la moto 2016, con il mio team di tecnici, crediamo che abbiamo più potenziale per finire bene le gare. Forse non fare il record sul giro, ma abbiamo visto più volte che chi ha vinto la gara non è stato sempre quello che ha fatto il record in un solo giro. Che Valentino dica che posso lottare per il campionato mi fa sorridere, come l’anno scorso quando parlava di me. È ancora l’idolo, quindi sono molto felice. E con l’esperienza dei miei due titoli in Moto2, devo tenerlo a mente. Perché no? Certo, perché no durante questo secondo anno? Vedremo. Abbiamo davvero prendere le cose nel modo più semplice e penso che la Yamaha, da quello che ho sentito anche durante i test privati ​​che non hanno avuto luogo in ottime condizioni (atmosferiche), ti dia una confidenza che non ho mai avuto su un’altra moto prima.”

Come ti avvicini mentalmente a questi tre giorni di test?

“La cosa più difficile durante il primo giorno sarà riprendere confidenza con la velocità, con i 300 km/h.  E quando mi ci abituerò, vorrà dire che potrei essere in grado di fare delle belle cose. Quando avremo ripreso il ritmo, sarà lo stesso lavoro che svolgiamo ogni anno, vale a dire avere la sensazione di mantenere un ritmo veloce con le gomme consumate. È un obiettivo semplice e spero solo di poterlo raggiungere al momento giusto. “

Hai detto che uno dei tuoi obiettivi era quello di essere un pilota ufficiale dal 2019. Avrai questo in mente non appena sali in sella?

“Già l’anno scorso, ho detto nelle mie osservazioni che l’obiettivo è di avere una moto ufficiale, perché è un passo importante per un pilota, anche per essere in grado di lottare per il campionato. Forse potrei combattere per il campionato quest’anno, e non sarebbe solo il miglior traguardo dell’anno, ma anche quello della mia vita. Ma tutto il supporto che un team di fabbrica può fornire è un passo avanti positivo. Quindi spero che i risultati mi facciano meritare questa squadra ufficiale. Non so dove. L’obiettivo è essere in Yamaha perché ho un buon feeling con la Yamaha, ma se gli altri piloti restano, può essere complicato. È ancora presto per pensarci. “

C’è molto interesse da parte delle altre marche su di te. Non ti distrarrà?

“No. Parto sempre con il mio manager, coach e amico Laurent (Fillon, ndr). Andiamo molto d’accordo e lavoriamo molto bene quando è sui circuiti. Mi fido di lui e lo lascio pensare e lavorare su queste cose, e poi ne parliamo insieme, ma mi affido a lui per questo genere di cose. Mi fido delle persone con cui lavoro. “

Leggi qui l’articolo in versione originale

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy