MotoGP Jerez: Valentino Rossi “Problemi chiari, lenti a reagire”

MotoGP Jerez: Valentino Rossi “Problemi chiari, lenti a reagire”

Dopo la difficile gara di Jerez Valentino Rossi ammonisce Yamaha per i soliti problemi di elettronica: “Di questo passo un’altra stagione andrà persa.”

di Luigi Ciamburro

Il GP di Jerez riporta a galla i problemi più profondi della Yamaha, l’impotenza del lavoro svolto quest’inverno dai tecnici di Iwata, l’incapacità a saltare gli ostacoli. Con una MotoGP sempre più incentrata sull’elettronica la centralina unica Magneti Marelli diventa una palla di ferro al piede, un handicap che resterà tale fino a quando gli ingegneri non troveranno una soluzione.

Il quinto posto di Valentino Rossi a Jerez è un po’ fortuito, frutto della tripla caduta di Lorenzo, Pedrosa e Dovizioso, altrimenti sarebbe andata peggio. “Il problema è che siamo contenti per questo 5° posto… La nostra situazione è abbastanza critica. Da tanto lo dico. I problemi sono chiari, ma sembriamo lenti a reagire e questo mi rende triste”. Da mesi il Dottore ha messo in allerta Yamaha sull’elettronica, ma in fabbrica non hanno saputo trovare una soluzione. “Se la Yamaha non affronterà il problema dell’elettronica abbastanza presto, passeranno i mesi e ci troveremo di fronte allo stesso problema“.

Un podio in quattro gare, soltanto sesto nel mondiale con 30 punti di distacco su Marc Márquez e un titolo iridato che sembra già lontano. E ancora una volta la M1 satellite di Zarco che si prende gioco delle moto ufficiali. Il problema è a monte e non solo a livello ingegneristico. Manca un collaudatore all’altezza della situazione, un altro nodo che il campione di Tavullia ha evidenziato da tanti, troppi mesi. “Non possiamo aspettarci nient’altro con la nostra situazione tecnica. Le nostre prestazioni dipendono anche dalla pista. Su alcuni tracciati soffriamo più degli altri. Per me è molto chiaro cosa deve succedere con la moto“, ha aggiunto Valentino Rossi. “Certo, ci vorrà del tempo. Ma la Yamaha deve fare uno sforzo e dare uno strattone. Perché dobbiamo accelerare lo sviluppo e abbreviare il periodo per diventare competitivi. Altrimenti un’altra stagione andrà persa. Spero che Yamaha ci dia il massimo supporto per poter tornare presto in vantaggio”.

Luigi Ciamburro

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy