MotoGP Parla il manager di Johann Zarco “Ci ha chiamato anche Aprilia, non c’è fretta di chiudere”

MotoGP Parla il manager di Johann Zarco “Ci ha chiamato anche Aprilia, non c’è fretta di chiudere”

Laurent Fellon, coach del miglior rookie 2017 Johann Zarco, ha rilasciato alcune interessanti dichiarazioni sul suo pilota e su alcuni aspetti in MotoGP, compresi gli stipendi.

di Philippe Debarle/paddock-gp-com

Alcuni anni fa, i negoziati contrattuali per l’anno successivo sono iniziati a settembre, poi sono iniziati a luglio e ora iniziano a gennaio. Come spiega questa evoluzione?

“Ho provato a pensarci perché questa evoluzione è davvero strana, veloce” ha detto Fellon. “Sono giunto alla conclusione che ci sono sempre meno piloti buoni. Questa situazione spaventa le grandi fabbriche, che temono di non essere in grado di avere piloti di qualità per le loro moto. Cercano di analizzare i riders il più rapidamente possibile per accaparrarsi il meglio. Io penso che sia così, ma è un po’ preoccupante, tutto troppo veloce e non va bene.”

E a proposito di Johann? Immagino tu debba parlare con quasi tutti i costruttori.

“Ecco. C’è anche Aprilia che mi ha contattato. Tutti mi chiamano, ma voglio che Johann prima vinca un Grand Prix. Si deve concentrare sul suo lavoro, facendo del suo meglio, e poi torneremo alle trattative. Inutile voler correre in tutte le direzioni. Andremo per eliminazione, a poco a poco.”

Per eliminazione, suppongo tu abbia già lanciato qualche segnale.

“Sì, sì. Ci vuole una buona moto, quindi una moto ufficiale. Per prima cosa Johann ha bisogno di questo, e dopo il resto verrà di conseguenza.”

Nel corso dei test finali a Losail, Johann ha girato a meno di un decimo del record assoluto del circuito, che risale ai giorni in cui i piloti hanno utilizzato una gomma da qualifica che è durata solo un giro. Ricordiamo anche il suo brillante inizio di gara l’anno scorso, la sua prima volta con una MotoGP. Perché è così forte su questo circuito?

“Johann è forte ovunque, penso. Non è forte solo su questo circuito, come ha dimostrato di recente in Thailandia (secondo a +0.086 Dani Pedrosa, per +0.1 davanti a Marc Marquez). Non è forte solo a Losail.”

Non ho detto che era forte solo in Qatar, ma è un circuito nel quale ha impressionato molto.

“È grazie al suo modo di guidare. Devi essere molto preciso. Johann sta bene e può sfruttare tutte le sue qualità a Losail.”

Zarco ha dimostrato lo scorso anno che un debuttante può adattarsi rapidamente alla MotoGP. Quest’inverno anche Takaaki Nakagami, Franco Morbidelli e Hafizh Syahrin hanno fatto bene. In che modo i piloti di Moto2, dove motore, elettronica e freni sono abbastanza semplici, possono adattarsi rapidamente ad una MotoGP, molto più complicata?

“Penso che la Moto2 sia una categoria molto buona. Con il motore unico, senza elettronica, è il pilota che fa la differenza. È molto importante ed è ciò che lo rende una buona categoria. Sono preoccupato per il futuro con il motore Triumph e l’elettronica che aggiungeranno perché sarà motivo di scuse per piloti e team. Penso che la categoria Moto2 con i motori Honda sia stata favolosa. Ha preparato molti piloti ad avere un buon feeling, a raddrizzare la moto, a curare la loro velocità. Quando l’elettronica entra in gioco, il pilota potrebbe non essere in discussione, a differenza del lavoro.”

Ci sono sei produttori presenti in MotoGP, ma non i migliori piloti. Ciò significa che i team dovranno rilanciare le offerte e che i riders saranno meglio retribuiti?

“È come la Formula 1. Non so se dobbiamo parlare di soldi. Ci sono sempre più problemi. Sia chiaro: penso che il colpo di Lorenzo abbia bloccato tutti (nota: 25 milioni in due anni, 0 vittorie nel 2017). Si fidavano troppo di lui e si sono resi conto che l’altro pilota era più veloce di lui, era meglio di lui. Quindi sì, ci sono domande da porsi. A mio parere, è necessario cambiare la situazione e meritarsi i soldi, se si è bravi. L’ammontare della retribuzione del pilota dovrebbe dipendere dai suoi risultati. Dobbiamo ritornare alle giuste basi.”

L’articolo originale su paddock-gp.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy