MotoGP Ducati: Jorge Lorenzo dura quattro giri, poi sprofonda

MotoGP Ducati: Jorge Lorenzo dura quattro giri, poi sprofonda

Il maiorchino finisce 11°, Dovizioso perde la vetta nel Mondiale. Non è stato un GP positivo per la Rossa

Commenta per primo!

 Il sesto tempo in qualifica, sul bagnato, lasciava presagire una gara d’attacco. Invece Jorge Lorenzo, dopo una bella partenza, è annegato in un’anonima undicesima posizione. Siamo a metà Mondiale e il pilota che avrebbe dovuto permettere alla Ducati di fare il salto di qualità resta nelle retrovie (qui la cronaca del GP)

Non posso essere soddisfatto del risultato, nè della posizione finale nè del distacco dal vincitore” ammette Jorge Lorenzo. “Però dopo il warm up, che era andato davvero male, ero molto preoccupato per la gara. Invece sono riuscito a fare quattro-cinque giri con un buon ritmo all’inizio e, fino a quando non è calata la gomma posteriore sul lato sinistro, ho guidato con un passo accettabile. Verso la fine ho dovuto però abbassare il mio ritmo perchè nelle accelerazioni la moto “spinnava” molto e non sono più riuscito a lottare per la nona posizione. Sia ad Assen che qui in Germania c’erano due o tre curve dove perdevo davvero troppo rispetto ai piloti di testa e spero che non avremo più gli stessi problemi nelle prossime piste. Sapevamo che queste due gare sarebbero state piuttosto complicate per noi però, almeno qui al Sachsenring, abbiamo capito alcune cose che ci saranno utili nei prossimi circuiti, più favorevoli per me.”

Andrea Dovizioso è finito solo ottavo, perdendo la vetta del Mondiale. Peccato davvero per la mia posizione finale. Abbiamo deciso di scegliere la gomma posteriore morbida per la gara ma non avevamo molti dati perché non avevamo girato tanto sull’asciutto, e questo purtroppo non ha pagato. Verso la fine della gara ho fatto molta fatica perché il calo della gomma è stato molto improvviso e importante, ma questo è un campionato molto particolare e non è sempre facile gestire al meglio le situazioni. Alla fine il weekend del Sachsenring è stato abbastanza complicato ma anche interessante in prospettiva, perché siamo riusciti a capire qualcosa in più, sia sulla moto che sulle gomme. In gara mi sono sentito bene e sono davvero contento del feeling che ho avuto con la mia moto, per cui credo che potremo fare molto bene le prossime gare.”

MotoGP Sachsenring Aprilia “Ci manca poco per stare con i primissimi”

MotoGP Sachsenring Marc Marquez “Questa vittoria è per Nicky Hayden”

MotoGP Sachsenring Valentino Rossi “Week end difficile”

MotoGP Sachsenring Jonas Folger al settimo cielo

MotoGP Sachsenring Andrea Iannone, piove sul bagnato

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy