MotoGP: Conferenza Stampa a Brno, le parole dei piloti

MotoGP: Conferenza Stampa a Brno, le parole dei piloti

Marc Marquez, Jorge Lorenzo, Valentino Rossi, Andrea Iannone, Scott Redding e Alvaro Bautista i piloti MotoGP presenti in conferenza stampa a Brno: ecco cosa hanno detto.

Si è svolta oggi la conferenza stampa che apre ufficialmente il Gran Premio di Brno, di scena a pochi giorni dalla tappa austriaca. Hanno partecipato all’evento il leader iridato Marc Marquez, il Campione del Mondo MotoGP in carica Jorge Lorenzo, Valentino Rossi, il fresco vincitore di Spielberg Andrea Iannone, Scott Redding e Alvaro Bautista, che in questi giorni ha annunciato il ritorno nel team di “Aspar” Martinez nel 2017.

Come sempre si comincia con il leader in classifica piloti, quindi la parola va a Marc Marquez, che esordisce parlando delle sue condizioni fisiche: “Non posso dire che la spalla sia al cento per cento, ma diciamo che è abbastanza a posto. Non credo sia necessaria un’operazione: continuo a fare molta fisioterapia e spero rimanga così. L’Austria, assieme a Le Mans, è la più difficile: non siamo riusciti a lottare per il podio, ma qui spero vada meglio. Il quinto posto è stato importante perché Lorenzo ha guadagnato solo cinque punti e Rossi due, poteva andare peggio. Dobbiamo tornare subito a lottare per il podio e per la vittoria, altrimenti cercare di perdere pochi punti rispetto ai piloti Yamaha“.

Tocca poi a Jorge Lorenzo, che dopo qualche tappa difficile è riuscito a tornare sul podio in Austria: “Per me era importante tornare sul podio dopo tre gare senza risultati di rilievo, ne avevo bisogno per sentirmi forte di nuovo. Brno storicamente è sempre stato adatto alla Yamaha ed al mio stile di guida“, ha poi proseguito, “ma vediamo se la teoria sarà uguale alla realtà. Dovremo cercare di guadagnare più punti possibili su Marquez“. Riferendosi poi all’incidente occorso al connazionale durante le prove libere del GP in Austria, “Con queste moto così grandi e potenti è facile farsi male, ma dipende molto anche dalle gomme: puoi ottenere un ottimo risultato come uno pessimo. Noi dobbiamo cercare di mantenerci nelle prime posizioni“.

Il terzo a prendere la parola è Valentino Rossi, giù dal podio al Red Bull Ring ma decisamente competitivo: “Quest’anno è l’opposto rispetto all’anno scorso, sono molto competitivo in qualifica ma poi ho problemi in gara. In Austria è andata bene perché sono riuscito a chiudere non troppo distante dalle Ducati, ma Lorenzo era più veloce di me e non sono mai stato in grado di lottare per il podio“. Si pensa ora a Brno: “Sulla carta questo è un ottimo tracciato per la Yamaha, ma dovremo capire anche come lavorano le Michelin. Entrambe le Honda qui sono sempre state molto competitive, vedremo da domani. Mi piace molto Brno, qui ho ottenuto la mia prima vittoria mondiale, ma negli ultimi anni non sono riuscito ad essere così veloce: sarà il nostro obiettivo per questo weekend“.

Andrea Iannone ha ancora nella testa la sensazione dovuta alla prima vittoria in MotoGP, avvenuta proprio domenica: “Davvero un weekend incredibile! Per Ducati è stato importante tornare al successo. Ora però dobbiamo pensare alle prossime gare perché i rivali molto forti e dovrò spingere al massimo per ottenere i migliori risultati possibili. Non so se Ducati qui sarà competitiva come in Austria, ma spero di sì! Il tracciato è davvero bello e penso che possa adattarsi alla nostra moto, ma Yamaha e Honda in passato sono sempre state veloci e non sarà facile per noi. In ogni caso faremo del nostro meglio“.

È il turno poi di Scott Redding, che ha portato a casa un ottimo ottavo posto in Austria: “Le prime gare della stagione sono state difficili per noi, siamo stati anche sfortunati, ma ora abbiamo trovato il modo di chiudere regolarmente in top ten od anche tra i primi otto. Qui non sono mai riuscito a salire sul podio, un peccato perché il tracciato mi piace molto, ma la mia stazza può essere uno svantaggio in una pista così. Speriamo comunque di fare bene questo weekend“.

Come detto all’inizio, è ufficiale l’accordo raggiunto per la prossima stagione tra Alvaro Bautista e Aspar Team, che dopo otto anni tornano a competere insieme: “Sono il primo ad essere contento di restare almeno un altro anno in MotoGP! Mi fa piacere tornare con Aspar, assieme abbiamo ottenuti bei risultati in passato“. Facendo poi un breve riepilogo della situazione attuale, “In queste due stagioni stiamo lottando parecchio ed i risultati non sono all’altezza del nostro lavoro. Nelle ultime gare siamo stati più competitivi e come prestazioni vicini alla top ten, ma sia io che Stefan abbiamo avuto qualche problema come la partenza anticipata ed il ride through, ma anche qualche difficoltà tecnica. Bisogna continuare lo sviluppo gara dopo gara: siamo nella giusta direzione e fino a fine stagione contiamo di avvicinarci sempre di più ai primi. In passato qui ho ottenuto una vittoria in 125cc ed una in 250cc, ma sono riuscito a lottare varie volte per la prima posizione: mi piace il tracciato, è molto bello ma anche difficile“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy