MotoGP Austria: Il tester Mika Kallio porta la KTM nella top ten!

MotoGP Austria: Il tester Mika Kallio porta la KTM nella top ten!

Seconda top ten consecutiva per il team austriaco, che nella tappa di casa conquista un decimo posto con la wild card Mika Kallio. Si ritira Espargaro, mentre Smith chiude fuori dai punti.

Mika Kallio velocissimo con la KTM al Red Bull ring

A poco meno di una settimana di distanza dalla prima top ten in MotoGP, conquistata a Brno da Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing concede il bis grazie alla wild card Mika Kallio. Il tester finlandese infatti ha chiuso con un solido decimo posto a poco meno di 20 secondi dal vincitore, permettendo alla squadra austriaca di festeggiare anche nella tappa di casa. Sfortunato invece Pol Espargaro, che a causa di un problema al sensore dei freni è stato costretto al ritiro, mentre Bradley Smith ha sofferto l’aumento di temperature rispetto ai giorni precedenti e ha tagliato il traguardo in diciottesima posizione (qui cronaca e classifica del GP)

“Una gara davvero straordinaria” ha dichiarato Kallio, “il massimo che potessimo fare, ero convinto fin da subito che fosse possibile prendere punti. Ho realizzato una bella partenza e ho guadagnato qualche posizione nelle prime curve. Anche se questa pista sulla carta non sembra così difficile, è molto dura fisicamente, soprattutto quando si tratta di frenare: questo ha fatto la differenza, considerando poi che non gareggio così spesso, altrimenti avrei potuto avvicinarmi di più. Questa è stata una delle gare più belle in MotoGP: il distacco dal vincitore è di soli 19.7 secondi, il più basso per me. Un grande passo avanti per il progetto KTM MotoGP e sono orgoglioso di farne parte.”

“Una gara impegnativa, ma sicuramente una che non dimenticherò facilmente per quanto riguarda il supporto” ha commentato Smith, colpito dal tifo austriaco. “Davvero bello vedere la gradinata KTM completamente piena fin dal warm up. La gara però non è andata come ci aspettavamo: nonostante la buona partenza, le temperature più alte non mi hanno permesso di mantenere un ritmo attorno a 1:25 basso come al mattino, anche se ho provato a cambiare lo stile di guida. Ho provato a superare qualche pilota, ma ho rischiato di cadere alla curva 9 e ho pensato solo a finire la gara. In ogni caso, è bello che KTM abbia ottenuto un’altra top ten.”

Molto più deluso Pol Espargaro, che chiaramente puntava a ripetersi con un nuovo piazzamento tra i primi dieci: “Siamo stati sfortunati. Avevamo la possibilità di mostrare i risultati del progetto KTM dopo il settimo posto nel warm up. Avevo sia la velocità che il ritmo, ma il sensore sul freno posteriore non stava funzionando, un problema che ho accusato fin dal primo giro. Un peccato, visto che si trattava della gara davanti al pubblico di casa per la squadra, ma ora dobbiamo pensare al test a Misano e poi alla tappa a Silverstone.”

MOTOGP Austria Cronaca e risultati della gara

MOTOGP Valentino Rossi, sogno già tramontato?

MotoGP Andrea Dovizioso “Il Mondiale? Ci siamo anche noi”

MotoGP Marc Marquez “Dovizioso ha meritato di vincere”

MotoGP Valentino Rossi “Eccessivo calo di gomma, dobbiamo capire perchè”

MotoGP Andrea Iannone “Problemi Suzuki, non è facile uscirne”

MotoGP Johann Zarco, l’orgoglio Yamaha

MOTOGP I biglietti di Misano (8-10 settembre)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy