MotoGP, Austin: Marc Marquez “Ho commesso alcuni errori e sono stato penalizzato, mi servirà di lezione”

MotoGP, Austin: Marc Marquez “Ho commesso alcuni errori e sono stato penalizzato, mi servirà di lezione”

Il campione del mondo in carica analizza quanto fatto in Argentina, spiegando quanto accaduto in partenza e nel corso della gara. Ecco ciò che ha dichiarato.

di Diana Tamantini, @dianatamantini

Prima della conferenza stampa inaugurale, il campione del mondo Marc Marquez ha parlato davanti ai giornalisti alla vigilia della tappa ad Austin. Temi principali, oltre ad un parere sul weekend che incombe, si è tornati al Gran Premio d’Argentina ed il pilota di Cervera ha detto la sua in proposito, dalla partenza a quanto successo poi nel corso della gara.

Una mossa che ha fatto molto discutere è appunto la partenza, con Marquez che si era sposato prima del via. Lo spagnolo spiega così quanto accaduto: “Il motore si era improvvisamente spento. Dopo il fine settimana Honda lo ha analizzato ed abbiamo visto che c’è stato un problema elettronico collegato al cambio. Era già successo nel corso delle prove libere anche a Cal [Crutchlow], ma pensavamo fosse un errore. E’ una lezione che ci servirà per il futuro.”

Da quel momento c’è stata molta confusione in griglia: “Io stavo spingendo la moto in pit lane, ma il motore è ripartito e ho guardato i commissari per capire cosa dovevo fare, non sapevo se potevo tornare al mio posto o no. C’è stata una grossa incomprensione. Io inizialmente avevo alzato la mano, come da procedura, ma nessuno mi aveva visto, quindi mi ero mosso. Bisogna chiarire cosa fare in queste situazioni, ma spero di non avere più un problema del genere.”

“In Argentina ho fatto quello che credevo giusto” ha poi continuato parlando della gara, “ma sono sempre pronto ad imparare dagli errori, sono successe tante cose e sono stato penalizzato per quello. Ho chiesto scusa, non ce l’ho con nessuno, per me è un capitolo chiuso e devo solo pensare a migliorare alcune cose che ho sbagliato. Io mi concentro sul mio lavoro, non considero altro ed anzi mi tengo sempre in disparte, perché ho imparato dal passato che è meglio così. Ci sono state tante opinioni, tutte da rispettare, ma io sono solo concentrato sul mio lavoro.”

Che ne pensa poi delle parole di Rossi, che ha dichiarato di “avere paura” a trovarsi in pista con lui? “Quello che ha detto Valentino è una sua opinione, da rispettare. Io in moto non ho paura.” “Ho visto la replica della gara” ha poi proseguito. “Ripeto, c’è stato quel problema in partenza, poi ho fatto sia cose giuste che sbagliate e sono stato penalizzato per questo. Da questo momento in avanti punto solo a migliorarmi e a non ripetere gli errori che ho commesso. Sono un pilota e una persona, tutti siamo sempre al limite e possiamo sbagliare, l’importante è non ripetersi.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy