MotoGP, Austin: Dani Pedrosa 7° oltre la soglia del dolore “Davvero contento, non ero sicuro di farcela”

MotoGP, Austin: Dani Pedrosa 7° oltre la soglia del dolore “Davvero contento, non ero sicuro di farcela”

Ad una settimana da un’operazione per risolvere l’ennesimo infortunio, Dani Pedrosa si supera ancora una volta chiudendo in settima posizione su una delle piste più difficili del campionato.

di Diana Tamantini, @dianatamantini

Era improbabile pensare che Dani Pedrosa, operato subito dopo il Gran Premio d’Argentina per una frattura al polso destro, fosse in grado di competere ad Austin (era infatti stato allertato il tester Stefan Bradl per un’eventuale sostituzione), ma dopo aver ricevuto l’idoneità il pilota di Sabadell non si è più fermato, mettendo in mostra una prova di forza che gli ha permesso di mantenersi costantemente in top ten. La gara sarebbe stata difficile, viste le particolarità della pista (per non parlare delle buche), ma Pedrosa è riuscito a recuperare un paio di posizioni, chiudendo il fine settimana con un settimo posto di valore, viste appunto le condizioni del suo polso destro.

“Sono più che soddisfatto di essere riuscito a finire la gara a punti” ha infatti dichiarato il battagliero ‘piccolo Samurai, “e per questo voglio ringraziare tutte le persone che mi hanno aiutato in questi gironi, così come i fan per il gran supporto. Ad essere sincero, una volta arrivato qui non ero sicuro di essere in grado di correre nelle prove libere. Si chiude un fine settimana molto difficile, soprattutto su questa pista: in altri circuiti avrei potuto gestire meglio la situazione, ma questo è davvero un tracciato fisico.”

Come detto, un Gran Premio complesso da gestire: “Non sono riuscito a godermi la gara come al solito, nonostante gli antidolorifici che mi hanno permesso di concentrarmi di più, anche se non avevo molta forza. Sono partito bene e ho cercato di rimanere il più a lungo possibile vicino ai piloti di testa, ma alla fine avevo davvero problemi a controllare la moto, ma ci sono riuscito e sono davvero contento di com’è andata. Ora avremo qualche giornata per cercare di recuperare al meglio in vista di Jerez, un tracciato che mi piace. Vedremo quanto starò meglio.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy