MotoGP Assen, Jorge Lorenzo: “10° posto? Pensavo ci fosse un errore”

MotoGP Assen, Jorge Lorenzo: “10° posto? Pensavo ci fosse un errore”

Jorge Lorenzo nella Q2 sprofonda dalla pole al 10° posto in meno di 1′. Bocciata l’evoluzione del telaio Ducati conta su una buona partenza: “Qui è difficile superare”.

di Luigi Ciamburro
Jorge Lorenzo ad Assen

Jorge Lorenzo partirà dalla decima posizione in griglia nel Gran Premio di Assen. Il maiorchino non riesce ad abbattere il muro dell’1’33” e accusa un gap di oltre decimi dal best lap di Marc Marquez. Ma in modalità “martillo” e con una buona partenza il pilota Ducati potrebbe riagganciare il gruppo di testa alla partenza: in una gara dove tutti i contendenti sono molto vicini bisognerà operare con tecnica certosina e senza errori.

Nel corso della Q2 Jorge Lorenzo si è ritrovato dalla pole al 10° posto in meno di un minuto. L’impetuosa pioggia di piloti alle sue spalle è arrivata a grappolo al traguardo approfittando dell’altrui scia inaugurata da Johann Zarco. “Ci sono stati due problemi, il primo è l’ultimo settore nel quale, per quanto abbia provato, non ho trovato il modo per andare più veloce. Soprattutto in curva ho sbagliato molto e non riesco a uscire velocemente. Vediamo se nel warm up, effettuando un’ultima modifica dell’assetto, possiamo guadagnare più stabilità in quel punto. L’altro problema è che tutti i piloti, tranne Zarco ed io, sono stati in grado di fare il giro con un pilota davanti che ha fatto guadagnare tre o quattro decimi. Anche perdendo tanto, se non fosse per il T4 saremmo in prima fila“, ha spiegato il maiorchino ai giornalisti presenti ad Assen.

Ritrovarsi improvvisamente dal primo al decimo posto è stata una sgradita sorpresa anche per lo stesso Jorge che, osservando la classifica sul maxischermo, pensava ci fosse un errore. “Quando sono passato dal primo al decimo posto, pensavo che mi fosse stato cancellato il giro“, ha aggiunto il pilota Ducati. A nulla è servita l’evoluzione del telaio presentato qui in Olanda dai tecnici di Borgo Panigale. Stavolta modifiche e aggiornamenti non potranno fare grossi miracoli: “Cercheremo di fare un buon inizio per conquistare qualche posizione, ma è un circuito ristretto in cui è difficile superare. Devi avere pazienza, la gara sarà molto lunga, i tempi scenderanno molto e sarà molto facile commettere un errore“, soprattutto in caso di errata strategia gomme. Il nuovo telaio sarà una soluzione da scartare per Lorenzo: “Non ho intenzione di usarlo perché non mi piace più del precedente“.

SBK Misano: i biglietti e le offerte disponibili

MXGP Videopass: prezzi e offerte disponibili

Concorso online 4moto.it: indovina chi vince a Misano

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy