MotoGP Argentina: Jorge Lorenzo sempre più giù, un punto in due GP

MotoGP Argentina: Jorge Lorenzo sempre più giù, un punto in due GP

Jorge Lorenzo non è riuscito a rialzare la testa neanche in una gara riaperta dal caos. Il piatto piange sempre più

di Redazione Corsedimoto
RIO HONDO, ARGENTINA - APRIL 08: Jorge Lorenzo of Spain and Ducati Team prepares to start on the grid during the MotoGP race during the MotoGp of Argentina - Race on April 8, 2018 in Rio Hondo, Argentina. (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Jorge Lorenzo, il caos argentino e il burrascoso dopo gara hanno fatto passare in secondo piano l’ennesima giornataccia. Dopo che nel warm up era stato velocissimo, in gara è affondato di nuovo nella mediocrità che sta segnando questo inizio di Mondiale. Un solo punto in due gare, al netto del problema tecnico ai freni che ha causato la caduta in Qatar,  è una media inconcepibile per un cinque volte campione del Mondo. Qui cronaca e classifica del GP.

POLEMICA – La prestazione arriva in coda ad un week end segnato dalle parole polemiche contro il compagno di squadra (“Dovizioso vuole destabilizzarmi”) e da un criptico messaggio che pare rivolto direttamente alla Ducati (“Parlerò il prossimo giovedi”). Elementi che fanno ipotizzare che Lorenzo stia già parlando da separato in casa e, magari, abbia già firmato per una Marca concorrente.

PEGGIORI – “Le condizioni  erano le peggiori per me, quelle in cui sono più a disagio: dover guidare con pneumatici slick quando l’asfalto presenta ancora delle chiazze di bagnato” prova a difendersi Jorge Lorenzo attraverso la nota stampa Ducati. “In più partire dalla quinta fila non mi ha certamente aiutato e, in mezzo al gruppo alla prima curva, ho provato ad evitare di cadere come era successo lo scorso anno. Dopo ho cercato di recuperare delle posizioni e, quando il tracciato si è finalmente asciugato del tutto, ho iniziato a girare con dei buoni tempi, cosa che non mi era riuscita durante tutto il fine settimana e il mio feeling è migliorato. Lascio l’Argentina con questa piccola nota positiva che mi da la motivazione per arrivare ad Austin e trovare il modo di essere finalmente veloce.”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ror - 8 mesi fa

    eh si,buon pilota gia’quasi del passato????
    elmeno speriamo taccia….perche’ con questi risultati e quel contratto….come direbbe mia nonna dovrebbe baciare tutti in ducati!
    altrimenti meglio entri in politica……

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy